Cassini, Oleg

Cassini – Nato a Parigi, è stato costumista a Hollywood. Ha lavorato anche per la rivista musicale e la televisione. È stato il sarto di donne celebri.

Oleg Cassini (1913-2006)- Nato a Parigi, è stato costumista a Hollywood. Ha lavorato anche per la rivista musicale e la televisione. È stato il sarto di donne celebri quali Audrey Hepburn e Jackie Kennedy Onassis di cui divenne stilista ufficiale nel 1961. Per la first lady disegnò l’intero guardaroba della sua visita in India nel ’62 che le valse la nomea di “Ameriki Rani”, regina d’America. Ha avuto grande successo per la semplicità dei suoi abiti da cocktail e per i tailleur in maglia. Famosi erano anche i suoi provocanti vestiti-guaina. Giovanissimo, andò a studiare a Firenze laureandosi nel ’34 all’Accademia di Belle Arti. Dopo aver aiutato la madre che gestiva una boutique proprio nel capoluogo toscano, decise di emigrare a New York nel ’36. Qui lavorò per grosse ditte di confezioni della Seventh Avenue (oggi ribattezzata Fashion Avenue) fino a quando, nel ’40, accettò un posto di costumista alla 20th Century Fox.

Cassini
Oleg Cassini.

Nel ’41, sposò l’attrice Gene Tierney per la quale, bellissima, disegnò gli abiti di scena del film Il filo del rasoio dall’omonimo romanzo di Somerset Maugham. Il matrimonio durò fino al ’52. Più tardi, Cassini passò alla Eagle Lions Studios come capo costumista non tralasciando però il mondo della Seventh Avenue con cui mantenne uno stretto rapporto di collaborazione. Si è ritirato da qualche anno. Vive in Connecticut. Muore a New York nel 2006.

Leggi anche:

Costumista cinematografico

Addio a Oleg Cassini

Beretta, Anne Marie

Beretta. È nata a Béziers. Ha lavorato molto in Italia, per Max Mara e Marina Rinaldi. Il suo è un successo costruito piano piano, nel tempo.

Beretta. È nata a Béziers. Ha lavorato molto in Italia, per Max Mara e Marina Rinaldi. Il suo è un successo costruito piano piano, nel tempo: ha infatti iniziato giovanissima. Dal ’58 al ’64 ha disegnato modelli per Esterel e per Castillo; dal ’65 al ’74, per Cassini, D’Alby e Bercher. In tutti questi anni Beretta ha sempre dato spazio ai tessuti naturali: alpaca e cachemire per l’inverno, lino per l’estate. I colori sono quelli della sua terra (la Linguadoca), tra il verde e il grigio scuro. Ma il suo stile si riconosce anche attraverso il marchio Ramosport, con cui negli anni ’80 ha innovato e prodotto impermeabili. (Valeria Vantaggi)

Dopo trent’anni di collaborazione termina il sodalizio con Ramosport. Il risultato ottenuto, e unanimemente riconosciuto, è quello di aver contribuito a trasformare l’impermeabile della casa in un capo moda.
La base parigina è in rue Saint Sulpice.