Young Fashion Award

Young Fashion Award è un concorso nazionale indetto da Camera Nazionale della Moda Italiana che aiuta i talenti ad emergere

Young Fashion Award. Concorso per giovani stilisti indetto, per la prima volta, nel 2001. Organizzato da Moet & Chandon e dalla Camera Nazionale della Moda Italiana, il Young Fashion Award offre la possibilità ai migliori alunni di sei scuole di moda italiane, selezionati da una giuria di esperti nel settore e di addetti ai lavori, di far sfilare i propri modelli in passerella. I sei giovani prescelti, uno per ogni scuola, possono accedere alla fase finale del concorso: la sfilata a Milano Donna a settembre. Al termine della stessa, viene proclamato un vincitore assoluto per quell’anno, che avrà la possibilità di collaborare, per sei mesi, con un grande stilista italiano.

Leggi anche

Francesca Liberatore

Milano Moda Graduate 2020, i vincitori

Firth, Livia

Livia Firth, imprenditrice e produttrice italiana, attenta alle tematiche sostenibili, ha co-fondato assieme al fratello, Eco-Age.

Firth Livia. All’anagrafe Livia Giuggioli (Roma, 4 settembre 1969), è una produttrice cinematografica e un’imprenditrice italiana. 

Ex moglie dell’attore inglese Colin Firth (i due si sono separati nel 2019 dopo 22 anni di matrimonio), Livia ha raggiunto notorietà con  In Prison My Whole Life, pellicola prodotta da Nana Productions, la società di produzione fondata assieme al marito. 

Carlo Capasa, Livia Firth e Renzo Rosso

Livia Firth è un’imprenditrice attenta anche alle tematiche sostenibili. Ha co-fondato, assieme al fratello Nicola, Eco-Age: la principale agenzia di consulenza e creatività specializzata in sostenibilità integrata. Per Eco-Age, Livia ha prodotto The True Cost, un documentario sugli effetti del fast fashion sulla salute del pianeta. La pellicola è stata diretta da Andrew Morgan. Inoltre, in un’intervista, a tal proposito, ha dichiarato: “Non saremmo qui a parlare di moda sostenibile, se non esistesse il fast fashion. Fino a 30 anni fa compravamo e consumavamo in modo diverso, oggi tutto è usa e getta, con ripercussione sull’ambiente e sulle persone che creano questi prodotti: i vestiti vengono confezionati da persone che vivono come schiavi”.

Inoltre assieme al presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana, Carlo Capasa, sostiene il progetto Green Carpet Fashion Awards che premia le eccellenze che hanno affrontato le tematiche eco-friendly e che per queste si sono distinte. Nato nel 2017, l’evento premia le griffe, i designer e gli imprenditori che difendono i valori etici e sostenibili dell’industria moda italiana. 

 

Leggi anche

Green Carpet Fashion Awards: tutte le novità del 2019

Intervista all’eco-designer Tiziano Guardini 

Green Carpet Fashion Awards 2020, vince Zendaya 

 

Capasa, Carlo

Carlo Capasa è il Presidente in carica di Camera Nazionale della Moda Italiana, attento alle tematiche della sostenibilità.

Carlo Capasa. Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, Associazione che riunisce le case di moda italiane con l’obiettivo di promuovere nel mondo uno tra i settori d’eccellenza dell’industria nazionale.

Nominato per la prima volta consigliere della Camera Nazionale della Moda nel 2010 ed eletto Presidente nel 2015, Capasa ha improntato una visione strategica focalizzata su quattro pilastri: sostenibilità, digitalizzazione, nuovi brand, narrazione.

Sotto la sua guida, CNMI è diventata capofila mondiale tra le altre associazioni sul tema della Sostenibilità, con la pubblicazione di diversi documenti e linee guida che affrontano l’importante tema da molti aspetti.

Carlo Capasa

Ha inoltre dato il via alle prime tre edizioni del “International Roundtable on Sustainability”, incontro internazionale rivolto ai responsabili CSR delle aziende della moda di tutto il mondo; alle prime quattro edizioni dei “Green Carpet Fashion Awards Italia” realizzate in collaborazione con Livia Firth; al primo Summit di CNMI “Crafting the Future” realizzato insieme a Bain Company e The Business of Fashion; la Mostra “Crafting the Future of Fashion, storie di Artigianalità e Innovazione” curata da Franca Sozzani; “Italiana. L’Italia vista dalla Moda. 1971-2001” curata da Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi; “Memos. A proposito della moda in questo millennio” a cura di Maria Luisa Frisa.

Nato a Lecce, Puglia, dopo gli studi si trasferisce a Milano. Carlo Capasa ha sviluppato una carriera ricca di successi coprendo vari ruoli chiave in numerose aziende del settore. Fino a marzo 2016, quando la compagnia è stata venduta a un Gruppo giapponese, Carlo Capasa ha ricoperto il ruolo di Amministratore Delegato di Costume National, la Maison che ha fondato con il fratello Ennio nel 1986.

Leggi anche

Un piano per risollevare il settore moda. 

Carlo Capasa rinominato presidente della CNMI 

Capasa, la moda italiana azienda strategica 

Intervista al Presidente di CNMI, la moda italiana cresce 

Valutazioni di Carlo Capasa sul mese della moda 

Milano vuole il suo museo della moda