Montgomery

Montgomery. (Duffle coat) Giaccone in lana con tanto di cappuccio, lungo fino ai fianchi o al ginocchio, chiuso da alamari di corda a forma di olivetta.

Montgomery. (Duffle coat) Giaccone in lana con tanto di cappuccio, lungo fino ai fianchi o al ginocchio, chiuso da alamari di corda a forma di olivetta . Questi dovevano andare a infilarsi in occhielli fatti di un cappio di corda o di pelle.

Confezionato nella sua versione più classica con tessuto di pelo di cammello variamente colorato oppure con altro materiale molto pesante. Lo indossavano all’origine gli uomini della Marina militare britannica.

Deve il suo nome al generale inglese Bernard Law Montgomery, vincitore della battaglia di El Alamein. Lo portava abitualmente, durante la seconda guerra mondiale, sopra la divisa militare.

Montgomery
Bernard Law Montgomery

Il suo successo comincia alla fine del conflitto, quando i modelli in eccedenza vengono messi in vendita al pubblico. Il montgomery diventa un capo essenziale (ma soprattutto comodo) del guardaroba maschile e femminile, votato in special modo a intere generazioni di liceali e di universitari degli anni ’40 (la fine) e ’50.

Quarant’anni dopo ha avuto un ritorno: per la montagna, la discoteca d’inverno, i viaggi estivi in Groenlandia o al Polo Sud. Ma i colori sono nuovi: bordeaux, verde bosco, blu marino.

Leggi anche:

Impermeabile

Moncler-born-to-protect-è-arrivato-il-piumino-ecologico

Mantella

Mantella. Ampia e lunga anche fino a terra, in origine a ruota, senza maniche, spesso con cappuccio. S’indossa appoggiandola sulle spalle

Ampia e lunga anche fino a terra, in origine a ruota, senza maniche, spesso con cappuccio. S’indossa appoggiandola sulle spalle. La mantella è tenuta ferma da un fermaglio a catenella sotto il collo, ma può essere anche allacciata fino in fondo. Le più sontuose sono in pelliccia, per la sera anche in velluto imbottito o più leggere in raso o taffetà. Il mantello, nella versione maschile, fu usatissimo lungo tutto l’800. Era quasi scomparso o aveva cambiato foggia, tanto da assumere nomi diversi. È tornato alla ribalta dagli anni ’60 in poi.

Leggi anche:

Poncho

Balenciaga Paris 2020: la moda cammina sull’acqua

La Vivetta ss20 eclettica e vistosa

Cappa

Cappa. Mantello largo senza maniche, con due aperture laterali per far passare le braccia, dotato di cappuccio e spesso foderato di pelliccia.

Cappa. Mantello largo senza maniche, con due aperture laterali per far passare le braccia, dotato di cappuccio e spesso foderato di pelliccia. All’inizio dell’800, gli uomini lo usavano come mantello da sera, nero foderato di rosso, con collo in seta. L’ampiezza della cappa permetteva alle donne di usarla sopra la crinolina. Spesso realizzata in pellicce pregiate da indossare sugli abiti da sera al posto della più modesta stola. Una variante è la pellegrina che arriva solo in vita. Applicata sui cappotti, si può anche staccare. Era l’indumento dei pellegrini e l’uniforme dei gendarmi francesi. Nelle onde della moda, la cappa è stata spesso riproposta lungo tutto il ‘900.

Leggi anche: 

Cappuccio

Max Mara alla fashion week: la cappa torna protagonista