Robert Friedman

Robert Friedman. È una linea di camicie per uomo e donna, prodotta dall’azienda Fabry’s, nata nel 1977. Qualità dei tessuti e sartorialità.

Robert Friedman. È una linea di camicie per uomo e donna, prodotta dall’azienda Fabry’s, nata nel 1977. Lo stile della linea è adeguato alla tradizione del marchio per cui la ricerca dei tessuti e le forme sono di alta qualità sartoriale e stilistica.

Leggi anche:

Stefano Ricci

Cotone made in Italy al 100%, la filiera è pugliese 

Alea Fashion Industries

Alea Fashion Industries: fondata nel 1952 a Savignano sul Rubicone da Agostino Maremonti e Spartaco Onofri.

Alea deve il suo nome proprio alla celebre esclamazione pronunciata da Giulio Cesare, “Alea iacta est”, al centro di Savignano oltre 2000 anni fa.

Caratterizzata da una dinamica politica commerciale e al contempo da una forte tradizione industrial-sartoriale, rappresenta la seconda realtà italiana nella produzione e commercializzazione di camicie da uomo. È il settimo gruppo europeo.

Solida realtà industriale, questa camiceria impiega quasi 1000 dipendenti, con un fatturato (dati di bilancio 2002) superiore ai 20 milioni di euro.

alea
Una delle tante fantasie proposte da Altea.

I marchi di Alea

Tre i marchi creati: Alea, Harry Brook e The Golf Club, con i quali l’azienda commercializza circa un milione e mezzo di capi l’anno.

Il primo, distribuito in oltre 600 punti vendita nei principali paesi europei, è riservato solo alla produzione realizzata presso la linea produttiva italiana. Si identifica con una fascia di mercato di gamma superiore. Al suo interno la Linea Oro, caratterizzata da una ricerca stilistica e sartoriale particolarmente curata.

Harry Brook, pensata come seconda linea, è prodotta prettamente in Romania. È realizzata per essere accessibile a un mercato più giovane e attento alle tendenze moda, è distribuita in 800 punti vendita europei.

Il marchio The Golf Club, con connotazione casual e sportswear, è caratterizzato da contenuti moda decisamente orientati a una fascia di mercato informale e distribuito prevalentemente in Italia.

Ad oggi l’azienda vanta  una struttura organizzativa rigenerata dall’ingresso di due imprenditori di seconda generazione: Andrea Maremonti e Claudio Onofri.

Negli ultimi anni Alea Fashion Industries ha registrato ricavi sempre positivi. Nel 2016 un +15%, mentre nel 2017 registra un +14% sui ricavi dell’anno precedente.

Nel 2018 Alea ha aggiunto alla sua rete commerciale altri paesi del Nord Europa, tra cui t Germania, Scandinavia e Benelux.

Leggi anche 

La voce Boussac nell’Enciclopedia della Moda