Renown

Renown. Industria giapponese d’abbigliamento. Nel mercato interno, è leader del prêt-à-porter. Produce anche biancheria intima e calze da donna

Industria giapponese d’abbigliamento. Nel mercato interno, è leader del prêt-à-porter. Produce anche biancheria intima e calze da donna. La filosofia del gruppo è la crescita anche attraverso l’acquisizione di marchi importanti. Tra questi, il più conosciuto è Aquascutum (storica fabbrica inglese di impermeabili) entrato nella scuderia Renown nel 1991. Registra la sua dodicesima perdita d’esercizio consolidata: 1,5 miliardi di yen.

Per arrestare l’emorragia di liquidi, la società ha lasciato i vecchi uffici di Harajuku, ha costretto al pensionamento forzato circa 380 dipendenti e, infine, ha scaricato le divisioni con performance scadenti alle società affiliate.

La nuova collezione Arnold Palmer è una strategia chiave per riportare il brand a bilanci positivi. Ai tempi in cui la sua carriera era sulla cresta dell’onda, negli anni ’80, Arnold Palmer vendeva intorno ai 40-50 miliardi di yen l’anno.

Poi, la linea Arnold Palmer ha subito una grossa flessione. Sebbene gli articoli siano stati aggiornati in modo sostanziale, Renown ha saggiamente mantenuto il vecchio logo, creando un collegamento vintage con la marca originale. Una cosa sorprendente per un gruppo di abbigliamento di vecchio stampo quale Renown, è che sono stati aperti anche un gruppo di negozi gestiti direttamente, per creare una presenza del marchio. A Harajuku, il negozio Arnold Palmer Premium Store ha registrato vendite per circa 30 milioni di yen il primo mese e altri negozi realizzano mediamente 10 milioni di yen al mese.

Leggi anche:

FINITE RANTS: il nuovo progetto online di Fondazione Prada

L’Alta Moda Dolce&Gabbana diventa un Family Affair

Pierre Mantoux

Pierre Mantoux. Marchio italiano di calze da donna. Importatore di calzetteria tedesca, Ottorino Giangrossi fonda il calzificio milanese Ilcat nel 1932.

Pierre Mantoux. Marchio italiano di calze da donna. Importatore di calzetteria tedesca, Ottorino Giangrossi fonda il calzificio milanese Ilcat (Industria Lombarda Calze a Telaio) nel 1932, in collaborazione con la cognata.

Negli anni ’60, al figlio Remo si affianca la moglie Velia. Nasce il marchio Pierre Mantoux e la distribuzione passa dall’ingrosso al dettaglio. Attraverso 56 varianti di colore negli anni ’70, i pois del ’76, il modello Pizzo-Scala dell’82, conquista il mercato mondiale (30 per cento del fatturato) e l’attenzione dell’alta moda e del prêt-à-porter.

Dopo due anni di ricerca, il marchio, nel decennio ’90, lancia il primo collant in filato cachemire.

Pierre Mantoux
Pierre Mantoux – collant light cashmere 80

Velia Giangrossi, nel ruolo di manager, ha aperto la strada a una gestione tutta al femminile dell’azienda. Le figlie Fulvia e Patrizia (è amministratore delegato e direttore generale) e le nipoti Chiara e Costanza.

Leggi anche:

Un-collant-glam-rock

Lana

Fogal

Fogal. Azienda svizzera di calze da donna, fondata a Zurigo da Léon Fogal negli anni ’20. Nel 1969 vende l’impresa al banchiere Walter Meler.

Fogal. Azienda svizzera di calze da donna, fondata a Zurigo da Léon Fogal negli anni ’20. Nel 1969 vende l’impresa (con sei negozi in Svizzera) al banchiere Walter Meler, il quale chiama il proprio figlio a dirigerla. Trent’anni dopo è ancora alle redini del fortunatissimo marchio; infatti ha 68 negozi e numerosi franchising nelle località più prestigiose del mondo. Tre quarti della produzione è made in Svizzera dove viene assicurato un altissimo standard di qualità. Alle calze classiche sono inoltre state affiancate gamme moda e casual, e una linea di biancheria intima e sportiva. La gamma colori (82 tonalità) rimane un punto di forza della collezione. Da diversi anni, Meler commissiona a famosi artisti il design dei sacchetti per i propri negozi: sono ormai in diversi musei nel mondo.

Potrebbe interessarti anche: 

Nylon: la voce del dizionario della moda

Le polemiche per le calze Gucci da 140 euro