Polimoda

Polimoda. Istituto superiore per lo studio della moda. Organizza corsi specialistici a livello universitario per la formazione nelle varie discipline-moda.

Polimoda. Istituto superiore per lo studio della moda. Ha sede a Firenze, in Villa Strozzi. Organizza corsi specialistici a livello universitario per la formazione nelle varie discipline-moda.

Nasce nel 1986 su iniziativa dei Comuni di Firenze e Prato, delle associazioni di categoria e da un accordo con il Fashion Institute of Technology della State University di New York. Inoltre, una convenzione con l’Università degli Studi di Firenze consente di svolgere corsi integrati e di offrire agli studenti qualificati l’opportunità di conseguire il Diploma Universitario in Operatore di Costume e Moda.

Dal ’98 Polimoda è inoltre membro della International Foundation of Fashion Technology Institutes. Associazione delle scuole di moda leader nel mondo per la qualità della formazione. I principali indirizzi forniti dall’Istituto sono design di moda femminile e maschile, stilismo di maglieria, stilismo di calzatura, modellistica, progettazione e produzione di tessuti, design accessori, product management e marketing della moda. Oltre al corso di International Fashion Design, svolto tra Firenze e New York. Sono stretti e funzionali i legami con l’industria e il mondo della moda.

polimoda

Leggi anche:

Ente Moda Italia

Scuola pubblica per la moda

Décolleté

Dècolletè è un termine entrato nella lingua francese del ‘700. Indica universalmente la profonda, generosa scollatura di un corpetto,ma anche una calzatura.

Décolleté è un termine entrato nella lingua francese del ‘700. Indica universalmente da allora la profonda, generosa scollatura di un corpetto, una blusa, ma soprattutto un abito. Il neologismo servì a differenziare il décolleté da encolure, usato per definire le diverse forme d’uno scollo, ma non trova completa e pertinente traduzione nel termine italiano scollatura. All’inizio del XVIII secolo, la cosiddetta robe à la franµaise comporta un décolleté in genere quadrato, profondo, fin quasi a mezzo busto, sebbene interrotto da un fiocco piatto (parfait).

Nel secolo successivo, il décolleté, nel ridursi, abbassarsi, e poi annullarsi delle maniche negli abiti da sera, offre alla vista le spalle interamente nude d’una donna votata, nelle ore del giorno, all’abbigliamento più castigato. In tempi recenti, la moda del nudo ha superato il termine a lungo rimasto valido per abiti di linea impero come per quelli a sirena.

Da décolleté prese il nome un tipo di calzatura, chiusa ma affusolata e appunto scollata alla caviglia. Alla metà dell’800 ebbe tacco largo e di media altezza.  Diventerà negli anni ’30 del nostro secolo decisamente elegante, con tacco alto per pomeriggio e per sera. Di gran moda per il tacco a spillo degli anni ’60, la “scollatura” è tornata prepotentemente alla ribalta nelle ultime collezioni di moda.

Leggi anche:

Bustier: la voce del dizionario della moda

Susan sarandon decollete: politically s’correct

Derby

Modello maschile di calzatura stringata. Prende il nome da Lord Derby, aristocratico inglese che la lanciò è l’esatto contrario della Oxford.

Modello maschile di calzatura stringata. Prende il nome da Lord Derby, aristocratico inglese che la lanciò. Ha i gambetti cuciti sopra la mascherina e la linguetta fa corpo con la tomaia, è l’esatto contrario della Oxford. Può presentarsi nella versione liscia, più elegante, o decorata in punta e sul tallone, più sportiva. A differenza della Oxford, però può presentare anche una variante senza stringhe, con allacciatura laterale a fibbia.

Leggi anche:

Mocassino: la voce del dizionario della moda

Imperdibile mostra  sulle scarpe a Firenze