Swinger International

Swinger International. Azienda italiana di moda pronta. Nasce a Verona nei primi anni ’70, grazie all’iniziativa imprenditoriale della famiglia Facchini.

Azienda italiana di moda pronta. Nasce a Verona nei primi anni ’70, grazie all’iniziativa imprenditoriale della famiglia Facchini. Produce e commercia soprattutto abbigliamento jeans e confezioni casual per donna e per uomo. La società si impone all’attenzione del settore e del pubblico col proprio marchio Swinger per aver creato per prima il Denim Fashion. A partire dalla metà anni ’80, allea il suo know-how, la capacità di industrializzazione, la qualità e l’abilità dei confezionisti della propria azienda a marchi storici e alla creatività di importanti stilisti. In questa direzione si inserisce la prima collaborazione che, nel 1988, viene siglata con la Maison Rocco Barocco.

Tale politica prosegue con Fendi, Ungaro, Laura Biagiotti, Mila Schön, Vivienne Westwood. L’evoluzione costante dell’azienda, a partire dal settembre 2001, trae nuova linfa nella moderna sede di Bussolengo (Verona), disposta su di una superficie complessiva di circa 30 mila metri quadrati, che consentono una gestione ottimale dei cicli produttivi. Nell’aprile del 2002, Swinger rileva Byblos. Presidente della società è Dino Facchini, al quale da alcuni anni si è affiancato il figlio Mathias, che ricopre il ruolo di amministratore delegato.

Leggi anche:

Vivienne Westwood “in gabbia”: Sono Julian Assange!

Fendi Haute Couture primavera/estate 2021, il debutto di Kim Jones

Varty, Keith

Varty, Keith (1952). Stilista inglese. Nasce a Darlington. Ha lavorato a Parigi per Dorothée Bis e ha trovato il successo in Italia collaborando con…

Varty, Keith (1952). Stilista inglese. Nasce a Darlington. Ha lavorato a Parigi per Dorothée Bis e ha trovato il successo in Italia collaborando con numerose aziende come Complice e Byblos.

Il 4 aprile del 2012, a causa di un male incurabile, Keith muore all’età di 60 anni nell’ospedale di Ancona.

Leggi anche

Addio a Keith Varty, lo stilista di Byblos

Holding Bonotto

Holding Bonotto. Produce tessuti di ricerca in continua evoluzione in fibre che ormai dalle lane si sono estese a tutto campo alle naturali e man-made.

Holding Bonotto. Produce tessuti di ricerca in continua evoluzione, rivolti soprattutto alla donna ma anche all’uomo, in fibre che ormai dalle lane si sono estese a tutto campo alle naturali e man-made. L’azienda, di impostazione familiare, vede già l’inserimento della terza generazione; predilige la ricerca, puntando oltre che sulla qualità tradizionale su estetica e creatività, collegandosi anche al mondo dell’arte e della cultura. La produzione attuale è di 2 milioni di metri di tessuto l’anno, realizzati nei vari stabilimenti del gruppo con il contributo di circa 200 dipendenti e un fatturato di 50 miliardi che per il 60 per cento deriva dall’export.
Tra i clienti annovera Marella, Liz Claiborne, Max Mara, Ellen Tracy, Ittierre, World Itochu, Byblos ai quali fornisce lane, viscose, sete, lini, cotoni e alpaca di qualità.
Lorenzo Bonotto fa parte del gruppo dei Giovani Imprenditori di Sistema Moda Italia, insieme a 37 altri imprenditori del tessile.

holding bonotto

Leggi anche:

Max Mara

Moro Giorgio Gucci, erede del fondatore della storica griffe

Francesca Sozzani, la voce dell’enciclopedia della moda di MAM-e.it

Bartlett, John

Bartlett. Ha conquistato una reputazione come innovatore della moda maschile. Nato in Ohio, inizia a disegnare a 16 anni ispirandosi a Brooks Brothers.

Bartlett John. Ha conquistato una reputazione internazionale come innovatore della moda maschile. Nato a Cincinnati, Ohio, inizia a disegnare a 16 anni ispirandosi all’abbigliamento Brooks Brothers e alle divise della Salvation Army, l’Esercito della Salvezza. Si laurea ad Harward in sociologia e, in seguito, si specializza a Londra in Economia. Torna negli Usa nel 1986 e, dopo essere entrato a far parte del Fashion Institute of Technology, inizia a disegnare per Willi Wear.

Nel ’92 apre un negozio nel West Village e lancia la sua prima collezione maschile. Gli addetti alle cronache della moda scrivono che i suoi abiti in lino invecchiato, seta e denim restituiscono all’uomo i caratteri di una perduta mascolinità. Nell’aprile del ’97, porta in passerella la sua prima collezione da donna, ispirata ai film noir di Hollywood anni ’40. In quello stesso ’97, raggiunge un accordo con la Genny Holding per produrre e distribuire le sue collezioni in Italia.

Dal 1998 al 2000 John Bartlett è stato direttore creativo di Byblos. Dopo aver chiuso la sua compagnia nel 2002 per un anno sabbatico in Cambogia e Thailandia, torna nel 2003 per presentare una collezione di abbigliamento sartoriale. Nel 2007 John apre il suo primo negozio nel cuore del West Village a New York, che si svilupperà anche attraverso collaborazioni con artigiani. Nel gennaio 2008 John diventa direttore creativo per la collezione maschile Claiborne, che viene lanciata nella primavera 2009.

Andrea Turchi

Andrea Turchi: marchio nato nel luglio 2000. Dopo varie esperienze all’interno di aziende come Byblos, Alessandro Dell’Acqua, lo stilista realizza…

Andrea Turchi: marchio nato nel luglio 2000. Dopo varie esperienze all’interno di aziende come Byblos, Alessandro Dell’Acqua, lo stilista realizza il proprio desiderio di affermarsi sul mercato internazionale con il proprio marchio.

andrea turchi
Alessandro Dell’Acqua.

Ogni capo realizzato parte da un’idea elaborata sul manichino e ciò non classifica necessariamente il capo come pezzo d’alta moda, ma anzi diventa nella sua unicità ripetibile anche industrialmente grazie a tecniche di lavorazione in scala innovative e proprietarie; condivise con i nostri laboratori.

Tutto è Made in Italy: segno indelebile di distinzione che può ancora dar vita a una perfetta armonia tra stile, prodotto e business.

Dalla primavera/estate 2019 il marchio non esiste più e si fonde con il marchio At Insight, rendendo le collezioni più giovani e all’avanguardia rispetto al gusto retrò  delle collezioni Andrea Turchi.