Brioni

Brioni, l’alta saroria maschile, resa celebre in tutto il mondo grazie al suo know how classico che ha stregato il jet set internazionale.

Sartoria maschile nata a Roma nel 1945 con il nome di Atelier Brioni. L’azienda cresce, si trasforma e si amplia nel ’60 aprendo una fabbrica, Brioni Roman Style, in Abruzzo, a Penne, città natale di uno dei due fondatori, Nazareno Fonticoli, e creando la prima struttura di atelier sartoriale organizzato con sistema industriale.

La sua insegna è Brioni Roman Style. Dopo oltre mezzo secolo di vita, è un’azienda che produce diverse linee e continua a confezionare abiti su misura nei negozi monomarca presenti in tutto il mondo da New York a Milano. Sin dall’inizio, tutto si deve all’intraprendenza di Fonticoli, maestro sarto abruzzese, e di Gaetano Savini, designer romano, decisi, dopo il secondo conflitto mondiale, a far rivivere e rifiorire la tradizione sartoriale italiana da uomo.

Da bambino, Fonticoli, mentre frequentava le elementari, aveva cucito pantaloni a cottimo, al ritmo di uno al giorno, per aiutare la famiglia. Emigrato a Roma, era diventato maestro tagliatore da Satos, un negozio della romana via Del Corso. Lì aveva incontrato Savini, che si occupava delle vendite e dei rapporti con i clienti: un uomo di marketing, si direbbe oggi. Non si sa chi convinse l’altro. Probabilmente, Gaetano vinse una sostanziale ritrosia alla ribalta di Nazareno.

Arriva Brioni

Insieme, nel 1945, aprirono un laboratorio di sartoria per uomo in via Barberini e lo chiamarono Brioni, dal nome dell’isola dalmata che era stata di gran moda fra le due guerre ed era diventata sinonimo d’eleganza, di dolce vivere, di dandismo. Ebbero un quasi immediato successo che trovò due straordinari propellenti. Il primo fu la rilanciata internazionalità di Roma, soprattutto attraverso lo sbarco a Cinecittà delle grandi produzioni americane. È questo “clima” che su Roma attiva le antenne di un mensile attento al mutare del costume e delle mode.

Nel numero di novembre del 1958, un inviato scrive: “Il fenomeno più sorprendente della moda maschile postbellica è l’emergere dell’Italia come principale centro di influenza sartoriale a livello mondiale. Roma ha preso il posto di Londra come mecca per chi vuole ben vestire”. Il secondo propellente fu il lancio del “made in Italy” innescato dalla trovata di Giovanni Battista Giorgini, quella di una prima sfilata di moda assolutamente italiana nella creatività, non più suddita di Parigi.

Gli anni ’50

Avvenne nel febbraio del 1951 a Firenze. Già nel gennaio del 1952, gli abiti di Brioni “danno il braccio” a quelli di Simonetta, delle sorelle Fontana, di Germana Marucelli, di Jole Veneziani, di Noberasco, di Schuberth, di Carosa nel terzo “Italian High Fashion Show” di Giorgini. Se ne accorge il “buyers” del grande magazzino statunitense B. Altman & Co sulla Quinta Avenue di New York che apre le sue vetrine agli smoking in shantung di Brioni. Qualche mese dopo, in un infuocato luglio, la passerella della Sala Bianca di Palazzo Pitti, che diventerà una icona nella storia della moda italiana, ospita, nel quarto “Italian High Fashion Show”, la prima sfilata di una collezione Uomo. È quella di Brioni che da quel momento entra a far parte dei pionieri del “made in Italy”. Da allora, in un quarto di secolo, Brioni, come sartoria e come Brioni Roman Style, è stata protagonista di oltre 400 sfilate in 48 paesi del mondo.

Brioni
Look Brioni Uomo alta sartoria

Nel ’55 un articolo su Life definisce Brioni il “Dior degli uomini”. Il New York Times parla di lui come dell’inventore di un “new look maschile” e il Boston Herald, come del capofila di un “secondo Rinascimento italiano”.

Gli investimenti di Brioni

Nell’80, mentre andava inaridendosi la tradizione della sartoria come mestiere, l’azienda Brioni Roman Style fonda a Penne una scuola di taglio con corsi quadriennali per la formazione di maestri sarti.

Fu un grosso investimento non solo di denaro ma di idee perché si trattava di impostare una scuola che, recuperando una tradizione, tenesse conto anche dell’ormai ventennale cultura d’impresa della Brioni Roman Style che aveva ammodernato quelle radici e che, in quei due decenni, pur mantenendo come bussola la manualità (riguardo il disegno, il taglio della stoffa, i punti di preparazione, l’imbastitura, gli orli, la cucitura dei bottoni, la finitura) era riuscita a passare dalle 45 alle 20 ore per la “costruzione di un abito”, perfezionando le suddivisioni del lavoro secondo le attitudini dei singoli, selezionando il personale, mettendo a punto il sistema. Venti ore contro una media di 2 ore e mezza-3 ore delle industrie di confezioni, il che la dice lunga sul contenuto sartoriale del vestito Brioni. Nell’88, a Brioni viene attribuito il Premio Pitti, per il contributo allo sviluppo della moda italiana nel mondo.

Il successo della griffe

Nel ’90, dopo l’acquisizione di una serie di manifatture e di realtà-produttive, nasce il Gruppo Brioni, formato da otto stabilimenti che impiegano 1700 addetti. Il mezzo secolo di vita viene festeggiato a Firenze, in occasione di Pitti Uomo, con una grande mostra retrospettiva allestita a Palazzo Corsini. In quel ’95, l’atelier riceve l’incarico di realizzare gli abiti per il nuovo interprete di James Bond, l’attore Pierce Brosnan. È solo l’ultimo dei tanti attori, artisti e politici che hanno scelto il su misura Brioni: Clark Gable, John Wayne, Henry Fonda, Totò, Robert Wagner, Severino Gazzelloni, Nelson Mandela. Nell’ultimo scorcio degli anni ’90, il fatturato consolidato medio del Gruppo, guidato dall’amministratore delegato Umberto Angeloni, è stato di 100 miliardi.

La prima collezione donna viene disegnata negli anni 2000 e giunge sulla passerella della primavera estate 2001.

Gli anni 2000

Nel 2001 il fatturato del Gruppo è di 150,337 milioni di euro. Erano 118,302 nel 2000 e 105,369 nel ’99. Il margine operativo lordo è di oltre 23 milioni di euro.

Dopo il lancio della collezione donna, nel febbraio del 2002 si inaugura a Milano, in via del Gesù, una boutique donna. A settembre Brioni Donna apre anche a Roma e New York tra la 67esima e la 57esima Strada. Cinque mesi dopo,Viene inaugurato il primo negozio Uomo a Tokyo, nel quartiere di Ginzav.
Nell’agosto dello stesso anno al Salone di Düsseldorf Brioni riceve l’European Fashion Diamond, premio che Ingedo Company assegna dal 1989 alle aziende e ai professionisti che si sono distinti per prestazioni e management.

A dicembre, esce il ventesimo film della serie 007. Sono sempre Brioni gli abiti di James Bond. Brioni chiude l’esercizio dell’anno con un fatturato consolidato di 157 milioni di euro. L’export è dell’80 per cento. Gli Stati Uniti sono il primo mercato.
Da sempre all’avanguardia del “su misura” industriale, nel giugno 2003, Brioni apre a Milano, in via del Gesù,  una vera e propria sartoria artigianale, con dieci fra lavoranti e tagliatori. I negozi monomarca sono 23 in tutto il mondo.

Valzer di poltrone in Brioni

Il rilancio della griffe passa nelle mani di Justin O’Shea, un ex camionista e magazziniere e ancora stylist e buyer. Una personalità che conquista il web ma non i clienti della griffe. L’inesperienza del settore lo pongono alla porta sei mesi dopo la sua nomina, nel marzo 2016. Ad annunciare l’addio è la stessa azienda che fa a capo di gruppo Kering. Nel frattempo, la casa di moda rinnova il sodalizio con il Royal college of art di Londra per il decimo anno consecutivo per la sponsorizzazione del corso annuale Master of arts in fashion design rivolto al menswear.

A solo un anno dalla separazione da O’Shea, Brioni chiama alla direzione creativa Nina-Maria Nitsche, salutata da Fabrizio Malverdi, nuovo amministratore delegato della griffe succeduto a Gianluca Flore. Il sodalizio, anche in questo caso è destinato a vita breve visto che, nel 2018, la designer saluta la griffe senza fornire maggiori dettagli sull’addio. Al suo posto, nell’ottobre dello stesso anno sopraggiunge Norbert Stumpfl, ex collaboratore nei team creativi di Louis VuittonAdidasBalenciaga e Lanvin, chiamato a riportare agli albori la sartoria uomo.

Un nuovo cambio ai vertici si registra con l’addio di Malverdi nel ruolo di CEO Brioni, al suo posto, da gennaio 2020, Mehdi Benabadji.

Leggi anche

Brioni, l’essenza elegante e sensuale

Una donna per Brioni