Reynaud, Alain

Alain Reynaud. Stilista francese. È stato braccio destro di Jacques Fath. Per lui e per la moglie Geneviève ha disegnato i costumi allegorici dell’Aurora.

Alain Reynaud (1924-1982). Stilista francese. È stato braccio destro di Jacques Fath. Per lui e per la moglie Geneviève ha disegnato i costumi allegorici dell’Aurora per il leggendario ballo dato a Venezia nel 1951 da Charles de Bestegui.

Ha diretto la maison Fath a New York. Successivamente ha accettato l’invito della stilista milanese Biki di affiancarla nel lavoro creativo della maison. Inoltre diventa negli anni ’50 il Pigmalione della cliente Maria Callas, di cui rivoluziona il gusto nel vestire. Non solo impone una specie di decalogo (quali capi indossare e quando), ma da una struttura al suo guardaroba, catalogandolo e numerandolo in modo che il celebre soprano non avesse mai problemi di scelta degli abiti e di accostamento con gli accessori giusti.

Reynaud
Alain Reynaud e Biki con Maria Callas

Ha vestito Jeanne Moreau per il film La Notte di Antonioni. Alla fine degli anni ’60, ha avviato la prima joint venture della moda con il Giappone, fondando Biki-Japan.

Leggi anche:

Maria-Callas: donna-voce-leggenda

Maria-Callas-avrebbe-compiuto-97-anni, una-dea-senza-tempo

Mari

Mari Lucia (1932). Giornalista. Dal 1961 all’87, è inviata di Stasera e successivamente di Paese Sera per la moda. Passa, poi, al Giorno dove, come collaboratrice fissa, segue le sfilate e tiene la rubrica settimanale Agenda Donna sino al ’97. Parallelamente collabora a Gente. Nel ’69, ha l’idea invece di “vestire” le canzoni del Festival Bar, proponendo il tema a creatori quali Enzo, De Barentzen, Sarli, Zanolli, Litrico e Biki che vince con l’abito disegnato per Acqua azzurra, acqua chiara di Lucio Battisti. Nell’81 è stata premiata dalla Camera Nazionale dell’Alta Moda Italiana per i suoi articoli su Paese Sera. È infatti sua la voce sulla moda italiana e francese dal 1900 al 1960 per il Dizionario Enciclopedico Moderno, edito da Labor. Per la sua attività umanitaria, riceve nel ’92 il premio dell’Onu Civiltà senza frontiere. Dal 1999, Mari inizia un’intensa attività televisiva. Collabora al quotidiano russo Izvestia. È opinionista di moda per i canali televisivi di Sky.