Garofolo, Tiziana

Garofolo Tiziana. Nell’estate del 1999, arriva al proscenio per essere entrata nella terna finale dell’Infil Award, premio per giovani creatori di intimo

( 1969 ) Stilista. Nell’estate del 1999, arriva al proscenio per essere entrata nella terna finale dell’Infil Award, premio destinato a giovani creatori di biancheria intima. Nata a Nettuno, Tiziana Garofolo si è diplomata all’Accademia Koefia di Roma nel ’91. Ha frequentato uno stage presso la ditta Maska di Scandiano (Reggio Emilia), a fianco dei responsabili del prodotto. Ha lavorato alla 31 Tessile di Velletri, disegnando la collezione Velvet, all’Euromoda di Cassino, all’Hiam Ricci Couture di Roma per collezioni destinate agli Emirati Arabi, nelle aziende romane Elvira Gramano e Storm Country di Roma.

Leggi anche:

Max Mara fw 2019: austera e glamour

Lee sa Beccaria MFW 2020: uno stile idilliaco

Tricotage Zimmerli

Tricotage Zimmeli. Azienda svizzera di biancheria intima e corsetteria fondata nel 1890. Rimane l’unica azienda svizzera a produrre intimo per uomo e donna

Azienda svizzera di biancheria intima e corsetteria fondata nel 1890. Verso gli anni ’20 del ‘900, aveva 4 fabbriche a Friburg e Aarburg in Germania, a Montebeliard e a St Quentin in Francia, per un complesso di 1250 dipendenti. Aveva propri negozi a New York, Londra, Parigi e Buenos Aires. Sopravvisse al suo omonimo fondatore che morì nel 1928. A oggi, Zimmerli rimane l’unica azienda svizzera a produrre intimo per uomo e per donna.

Tricotage Zimmerli
Tricotage Zimmerli

Leggi anche:

La lingerie più sensuale per Capodanno

Vera Wang ss20: la lingerie diventa un accessorio

Tcn

Tcn. Marchio specializzato in biancheria intima. Pigiama, corsetteria e costumi da bagno. Creata nel 1984 da Totón Comella (1968).

Tcn. Marchio specializzato in biancheria intima. Pigiama, corsetteria e costumi da bagno.

Tcn
Classic Bra – Tcn

Creata nel 1984 da Totón Comella (1968), una barcellonese la cui famiglia è una firma del mondo tessile.

Tcn
Totón Comella

Nel ’91, ha debuttato sulla Pasarela Gaudì di Barcellona e fu una delle sfilate maggiormente applaudite. Nel 2001, si è avventurata nei disegni della street wear collection.

Tcn
Sfilata Tcn Madrid – Collezione primavera/estate 2011

La chiave del suo successo sta nel sapiente utilizzo dei tessuti. Lavora alla perfezione il velluto, la lycra, il cotone, la seta e la pelle invecchiata. Usa molti ritrovati tecnologici per le finiture (tessuti invecchiati, fusi e metallizzati). Ciascuna delle sue collezioni si caratterizza per essere ispirata a un tema preciso: gli anni ’20, la montagna o altro, con dettagli molto precisi.

Leggi anche:

CALZEDONIA

TEZENIS

INTIMISSIMI

Simone Pérèle

Simone Pérèle. Azienda di biancheria intima femminile dal nome della fondatrice che, nel 1948, aveva un piccolo negozio di corsetteria a Parigi

Simone Pérèle. Azienda di biancheria intima femminile dal nome della fondatrice che, nel 1948, aveva un piccolo negozio di corsetteria a Parigi.

Simone Pérèle
Simone Pérèle Lingerie

Successivamente, appena otto anni dopo, costruiva due fabbriche in Francia per la produzione di lingerie e uno stabilimento in Tunisia. I dipendenti sono 500. Dall’85, il Gruppo è gestito dalla seconda generazione: Philippe Grodner e Catherine Pérèl. Hanno tre linee di prodotti.

Simone Pérèle
Simone Pérèle – reggiseno con ferretti Révélation

 

Leggi anche:

INTIMISSIMI

CALZEDONIA

Golden Lady

Renown

Renown. Industria giapponese d’abbigliamento. Nel mercato interno, è leader del prêt-à-porter. Produce anche biancheria intima e calze da donna

Industria giapponese d’abbigliamento. Nel mercato interno, è leader del prêt-à-porter. Produce anche biancheria intima e calze da donna. La filosofia del gruppo è la crescita anche attraverso l’acquisizione di marchi importanti. Tra questi, il più conosciuto è Aquascutum (storica fabbrica inglese di impermeabili) entrato nella scuderia Renown nel 1991. Registra la sua dodicesima perdita d’esercizio consolidata: 1,5 miliardi di yen.

Per arrestare l’emorragia di liquidi, la società ha lasciato i vecchi uffici di Harajuku, ha costretto al pensionamento forzato circa 380 dipendenti e, infine, ha scaricato le divisioni con performance scadenti alle società affiliate.

La nuova collezione Arnold Palmer è una strategia chiave per riportare il brand a bilanci positivi. Ai tempi in cui la sua carriera era sulla cresta dell’onda, negli anni ’80, Arnold Palmer vendeva intorno ai 40-50 miliardi di yen l’anno.

Poi, la linea Arnold Palmer ha subito una grossa flessione. Sebbene gli articoli siano stati aggiornati in modo sostanziale, Renown ha saggiamente mantenuto il vecchio logo, creando un collegamento vintage con la marca originale. Una cosa sorprendente per un gruppo di abbigliamento di vecchio stampo quale Renown, è che sono stati aperti anche un gruppo di negozi gestiti direttamente, per creare una presenza del marchio. A Harajuku, il negozio Arnold Palmer Premium Store ha registrato vendite per circa 30 milioni di yen il primo mese e altri negozi realizzano mediamente 10 milioni di yen al mese.

Leggi anche:

FINITE RANTS: il nuovo progetto online di Fondazione Prada

L’Alta Moda Dolce&Gabbana diventa un Family Affair

Phildar

Phildar. Azienda tessile francese. Dal 1943, per lungo tempo, leader per i filati da maglieria e per quelli da cucire. Distribuiva in Francia e in Europa

Azienda tessile francese. Dal 1943, per lungo tempo, leader per i filati da maglieria e per quelli da cucire. Distribuiva in Francia e in Europa attraverso più di 2000 boutique, una rete che ha favorito la trasformazione del Gruppo quando le donne cominciarono a buttarsi alle spalle il lavoro a maglia. La produzione ne venne dimezzata.

La falla fu tamponata, diversificando la produzione: maglieria e biancheria intima. Ma la società fu miracolata dalla decisione di trasformarla in un’azienda di distribuzione che è oggi primatista francese per quel che riguarda l’abbigliamento. Il capitale è detenuto dalla famiglia Mulliez.

Leggi anche:

N21: L’ibridazione delle forme e dei tessuti

Agritessuti: dall’Italia l’evoluzione green

Pelle d’uovo

Pelle d’uovo. Tessuto finissimo in cotone, molto compatto e resistente. Simile alla pelle dell’uovo. Usato per biancheria intima femminile.

Pelle d’uovo. Tessuto finissimo in cotone, molto compatto e resistente. Infatti, è simile alla pelle dell’uovo per colore e sottigliezza. Si usa, per esempio, per biancheria intima femminile.

pelle d'uovo
Lenzuola completo letto artigianale in pelle d’uovo

Leggi anche:

Lino

Cotone-made-in-italy-100%: la-filiera-è-pugliese

Culotte

Culotte. Mutandine a calzoncino, non aderenti. Comode, alte fino alla vita. In seta pura le portavano negli anni ’30 le donne più raffinate.

Culotte. Mutandine a calzoncino, non aderenti. Comode, alte fino alla vita. In seta pura le portavano negli anni ’30 le donne più raffinate e da allora non sono mai tramontate. Ai tempi del Re Sole, invece, le culotte erano pantaloni lunghi sotto il ginocchio, portati dai gentiluomini di corte con calze fini di seta. Restano tali, più o meno lunghe e aderenti, fino all’inizio dell’800, quando sono sostituite dai pantaloni.

Bickler

Bickler. Due giovani sorelle milanesi dopo aver lavorato per alcuni anni nell’azienda paterna, decidono di produrre una linea di biancheria…

Bickler. Due giovani sorelle milanesi, ma di origine tedesca, dopo aver lavorato per alcuni anni nell’azienda paterna, decidono di produrre una linea di biancheria intima. Nasce così, nel 1983, la Sobimil srl. L’idea di base è quella di creare piccole collezioni con lo spirito che tutti i capi proposti siano coordinabili e intercambiabili fra loro, sia nei colori sia nei modelli. Interpretando una nuova tendenza che vede il successo degli abiti Homewear, la collezione si allarga e nasce il nuovo marchio Sobimilla.

bickler
vestiti Sobimilla

bickler
Apetta Sobimilla

È un modo di vestire pratico e comodo, giovane e spiritoso, ma di una semplicità raffinata, perfetta in casa ma anche fuori: magliette e top di tricot con bordi in contrasto o tinta su tinta si abbinano a comodi pantaloni con coulisse, a gonne lunghe o mini; i piccoli cardigan accompagnano abiti con ruche di sapore quasi infantile; le brassière romantiche sono in tulle strecht a fiorellini con un tombolino allo scollo. Le fibre usate dalle sorelle Bickler sono solo naturali. Non mancano gli accessori, anch’essi coordinati all’abbigliamento, dalle pantofole alle mini borse con applicazioni di perline.

Batista

Batista: tessuto di cotone o lino molto fine, morbido e trasparente, spesso usato per confezionare capi di biancheria intima…

Batista: tessuto di cotone o lino molto fine, morbido e trasparente, spesso usato per confezionare capi di biancheria intima, viene impiegato anche per camicie e fazzoletti. Il nome deriva, secondo la tradizione, da Baptiste di Cambrai che produsse per primo questo tipo di stoffa nel XIII secolo.

Leggi anche:

Ventilo