Lattuada, Alberto

Lattuada Alberto. Stilista italiano nato a Caronno Pertusella. Lo hanno definito “uomo di stile”. Le cronache lo fanno nascere professionalmente nel 1955.

Lattuada Alberto (1926). Stilista italiano nato a Caronno Pertusella (Varese). Lo hanno definito “uomo di stile“. Le cronache lo fanno nascere professionalmente nel 1955 con i disegni per il quotidiano Women’s Wear Daily, anche se già da qualche anno collaborava con Mamme e Bimbi di Silvana Bernasconi.

Ha lavorato per numerosi periodici femminili (fra i quali Novità, Bellezza, Annabella e Marie Claire) e per lungo tempo ha dedicato la sua attività pure all’I.w.s. (Segretariato Internazionale della Lana).

lattuada

Conosciuto per il suo spirito ironico, le battute corrosive e feroci, schivo e introverso pur dichiarandosi timido, è noto per le collezioni di abiti, maglieria, pellicceria, calzature e linee sportive d’avanguardia.

“Ciò che preferisco è lo sport ad altissimo livello. E ritengo d’essere stato uno dei primi a imporre questo tipo d’abbigliamento anche per sera”.

Dal ’73 al ’90 ha creato album e colori per Pitti Filati e per la filatura Avia (poi Zegna-Baruffa). Sempre fedele al suo personaggio e al suo stile, crea ancora collezioni up to date.

Insegna al Polimoda di Firenze.

2003, luglio. Alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti, si inaugura Alberto Lattuada. Un maestro al Polimoda. La mostra a temi si articola: dal “rural country western” alla “Manhattan rhapsody” alle deliziose “Victorian eccentrics“.

Un grande successo a sottolineare la straordinaria carriera dell’illustratore-stilista, protagonista di 50 anni di moda italiana. Di Alberto Lattuada è ben riconoscibile il tratto incisivo, il segno pittorico assolutamente originale, lo stile colto e raffinato con cui ha raccontato con sottile ironia e appassionato interesse il nascere e l’evolversi della moda italiana.

Durante l’edizione di Milano Moda Donna del febbraio 2008, il mondo della moda ha dedicato allo stilista una mostra intitolata Il sogno elegante.

Leggi anche:

Intervista-a-Raffaello Napoleone-amministratore-delegato-di-Pitti Immagine

Calendario-Milano-moda-uomo-2021-le-novità-di-gennaio

Bernasconi

Bernasconi. Azienda serica italiana. Fondata nel 1899 (fino circa il 1972) da Davide Bernasconi, amministratore delegato e direttore generale fino al…

È un’azienda serica italiana. Fondata nel 1899 (fino circa il 1972) da Davide Bernasconi, amministratore delegato e direttore generale fino al momento della morte (1922), quando il timone passa nelle mani del figlio Leopoldo.

bernasconi
Davide Bernasconi

All’inizio del ‘900 l’azienda si caratterizza per una produzione molto varia, che va dagli articoli per la confezione femminile e il foderame; alla cravatta, a sciarpe, fazzoletti e ombrelli destinati in buona parte a un mercato internazionale.

Le acquisizioni

Dalle tre tessiture di partenza – Cernobbio (Co), Morbegno (So) e Cantello (Va) – si passa tra il 1906 e il 1925 all’acquisizione degli stabilimenti di Solbiate Comasco, Maccio, Giussano, Figliaro e all’apertura di nuovi impianti a Cagno e Cernobbio (tintoria).

Nel 1936 assume la carica di direttore generale Emilio Sancassani, il nipote di Leopoldo Bernasconi; Dagli anni ’50, dopo l’entrata della Ticosa tra gli azionisti, la Bernasconi avvia una fase di ristrutturazione.

Bernasconi anni ’60

A partire dal ’55 iniziano a chiudere gli stabilimenti locali. Alla fine degli anni ’60, rimangono operanti solo le unità produttive di Cernobbio, Solbiate e la tintoria.

A cavallo tra i decenni ’60 e ’70, Ticosa acquista il marchio e prosegue a commercializzare tessuti con la stessa griffe, fino alla propria chiusura nel 1972; In quell’anno, infine, le Tessiture Bernasconi entrano in società con la milanese Multifibre, portando in “dote” l’opificio di Solbiate.