Bedin, Giovanni

Bedin è un figlio d’arte. Il padre e la madre sono sarti per uomo: si conobbero lavorando per il medesimo laboratorio e possiedono a Vicenza.

Bedin Giovanni è un figlio d’arte. Il padre e la madre sono sarti per uomo: si conobbero lavorando per il medesimo laboratorio e possiedono a Vicenza un negozio d’abbigliamento nel centralissimo corso Fogazzaro.

Bedin e l’infanzia

Bedin è, quindi, nato e cresciuto nel mondo della moda, venendone a conoscere fascino e segreti, tessuti e lavorazioni. “I miei genitori mi hanno sempre insegnato il gusto per le cose belle, le cose vere”, dice. Dopo aver terminato gli studi di ragioneria, si trasferisce a Parigi per seguire i corsi di stilismo della Chambre Syndicale de la Couture.

La romantica donna firmata Bedin

Dopo un anno, ecco l’ingresso da Lagerfeld, per seguire all’ufficio stile la linea KL. Si tratta, per lui, di un’esperienza straordinaria, importantissima per la sua formazione. Passa quindi, per una stagione, da Tierry Mugler.

Poi, mentre presenta il suo book da Chloé, si sente dire: “Lei è pronto per una sua collezione”. Nel 2010 gli è stato affidato il rilancio del marchio Worth presentando la linea Haute Couture. Durante un’intervista rilasciata a Vogue Italia, ha detto: “Worth è il padre della Haute Couture. Tutto è cominciato con lui. Esplorare gli archivi di una Maison ottocentesca mi ha permesso di analizzare a fondo lo stile di abiti lontani dalla vita di oggi, la cui costruzione tuttavia conserva tratti ancora attuali, ma anche lo stile di vita e la personalità di donne incredibili”.

Nel 2017 lancia la sua eponima griffe che puntualmente viene presentata durante la kermesse Couture. La sua donna è disegnata seguendo le mille sfaccettature del suo essere, con un occhio di riguardo ad una tipologia di bellezza colta.