Torretta, Roberto

Torretta Roberto. Stilista argentino. Vive e lavora in Spagna ed entra nel mondo della moda attraverso la società Trip Diffusion di Barcellona

Torretta, Roberto. Stilista argentino. Vive e lavora in Spagna dove si è trasferito da Buenos Aires nel 1972. Torretta si stabilisce a Madrid ed entra nel mondo della moda attraverso la società Trip Diffusion di Barcellona. Nel 1981 dà vita alla Snif, un’azienda produttrice di abbigliamento. Si specializza nella produzione di sportswear in cotone, ma progressivamente le sue creazioni si fanno sempre più ricche e costruite.

La prima collezione firmata Roberto Torretta che sfila in passerella (a Madrid) è quella della primavera-estate 1984. Nell’88, Torretta apre un proprio show room e le sue collezioni cominciano a essere vendute nelle migliori boutique spagnole. Nel ’96 i suoi capi sfilano per la prima volta alla Pasarela Cibeles di Madrid. Nel 2002 gli vengono assegnati due premi in omaggio alla sua brillante carriera nel mondo della moda. Si tratta dell’Alfiler de Oro, assegnato da Fermoda e dalla Pasarela Costa del Sol.

roberto torretta
roberto torretta

Leggi anche:

Louis Vuitton, il surrealismo alla Paris Fashion Week

Cotone Made in Italy 100%: la filiera è pugliese

Savoir

Designer messicano, mischia l’eleganza e il casual. Le sue collezioni sono composte da abiti ready to wear e per occasioni speciali

Designer messicano, mischia l’eleganza e il casual. Le sue collezioni sono composte da abiti ready to wear e per occasioni speciali, da cocktail e da sposa. Lo stile bohemien, l’uso di tessuti di lusso e i ricami luccicanti sono la firma dello stilista. I pezzi di Savoir possono essere trovati anche fuori dal Messico, a Londra, Barcellona e Dubai.

Leggi anche:

La sartorialità casual dell’uomo Kiton

La storia non raccontata di Ann Lowe

Museu Tèxtil i d’Indumentària

Museu Tèxtil i d’Indumentària. Museo del tessile e della moda a Barcellona.Battezzato così solo nel 1982 quando vi confluiscono diverse collezioni.

Museu Tèxtil i d’Indumentària. Museo del tessile e della moda a Barcellona. È battezzato così solo nel 1982 quando finalmente vi confluiscono diverse collezioni.

Il Museu Tèxtil i d’Indumentària ha sede dal 1969 nell’antico palazzo del marchese de Llio di proprietà della città. La collezione inizia nel 1883 per volontà del Comune, ma il primo museo non viene realizzato che nel 1964.

Successivamente donazioni e acquisti importanti lo irrobustiscono. La sezione tessile è molto varia con esemplari dal IV al XX secolo. Tra i più antichi: le tuniche copte del VII e IX secolo, i paramenti sacri del XV e XVI secolo, gli arazzi ispano moreschi del XIII secolo.

Ben rappresentate le varie tipologie di pizzi e ricami, oltre al materiale per la loro produzione. Per la moda del XX secolo, è determinante la donazione Balenciaga con esemplari del periodo preparigino. Questi, con altri capi di stilisti spagnoli, documentano bene l’alta moda spagnola e catalana. Recentemente, il museo ha comprato abiti di firme del prêt-à-porter spagnolo, come Sybilla, e internazionale come Ungaro ed Alaïa.

Museu Tèxtil i d'Indumentària

Leggi anche:

Museo del Tessuto Italiano

Emanuel Ungaro-la-voce-sull’enciclopedia-della-moda-di-mam-e.it

Locking Shocking

Locking Shocking. Marchio spagnolo di prêt-à-porter.La prima collezione viene presentata nel 1996 nel salone Gaudì di Barcellona.

Locking Shocking. Marchio spagnolo di prêt-à-porter.

La prima collezione Locking Shocking viene presentata nel 1996. Si è tenuta allasezione Mediterraneo Jeans del salone Gaudì di Barcellona.

Dal 2001 le collezioni  sono presentate nei più importanti saloni specializzati.

Dal 2002 Locking Shocking sfila invece sulle passerelle spagnole: da Circuit a Barcellona fino alla Pasarela Cibeles di Madrid.

I capi per la primavera-estate 2003 vincono il premio L’Oréal-Paris, come migliore collezione della stagione.

locking shocking

Locking Shocking sulla passerella. Primavera-Estate 2008.

Leggi anche:

Christy Turlington-la-top-model-nell’enciclopedia-della-moda-di-mam-e.it

I-cinque-brand-da-tenere-sottocchio-nel-2021

Berhanyer, Elio

Berhanyer. Il suo vero nome è Eliseo Berenguer. Nato a Cordova nel 1929, poi si trasferisce a Madrid. A 27 anni inizia a lavorare nel mondo della moda.

Elio Berhanyer. Il suo vero nome è Eliseo Berenguer. Nato a Cordova nel 1929, a 17 anni si trasferisce a Madrid e, 10 anni dopo, da autodidatta, comincia a lavorare nel campo della moda. Nel 1960, presenta la sua prima collezione. Nel 1967 partecipa alla Fashion Week in Messico.

Nel ’69 lancia la linea, Elio Berhanyer Vanguardia, con i suoi due profumi Zarabanda ed Elio’s. Un successo che gli permette di aprire una boutique a Madrid, poi a Barcellona e, nell’83, a Città del Messico. Ha disegnato le uniformi per la compagnia aerea Iberia e gli abiti dei croupier del Casinò di Madrid.

Nel 2003 il designer lancia la sua prima collezione di orologi e nel 2006 una per bambini dai cinque ai sedici anni.

Leggi anche

Balenciaga

Armand Basi

Azienda catalana che produce abbigliamento per uomo, donna e bambino. Negli anni ’40 Josep Armand Basi apre una piccola sartoria a Barcellona.

Azienda catalana che produce abbigliamento per uomo, donna e bambino. Negli anni ’40 Josep Armand Basi apre una piccola sartoria a Barcellona. Nei vent’anni successivi diventa una compagnia di proporzioni importanti tanto da ottenere nel 1961 la licenza del marchio francese Lacoste in Spagna. Sono gli anni ’70 quelli della svolta con l’arrivo di Juste de Nin che diventa il direttore artistico della maison dando un’impronta di modernità alle collezioni.

Armand Basi
Joseph Armand Basi.

Nel 1987 Armand Basi inaugura la fabbrica di produzione a Badalona, nei pressi di Barcellona. Nel 1994 le si aprono le porte dei mercati europei, asiatici e Stati Uniti. L’anno seguente apre il primo negozio londinese a cui segue quello di Barcellona sul Paseo de Gracia. Sono gli anni in cui arrivano le prime sfilate nella Settimana della Moda uomo a Parigi fino alla grande apertura, ancora a Londra, di una grande boutique nell’elegante Conduit Street a Mayfair.