Ballin

Ballin. Calzaturificio italiano di Fiesso d’Artico. I fratelli Ballin intraprendono la loro attività di tipo artigianale nell’immediato dopoguerra.

Ballin. Calzaturificio italiano di Fiesso d’Artico, in provincia di Venezia. I fratelli Ballin intraprendono la loro attività di tipo artigianale nell’immediato dopoguerra. Dal 1945, per più di 50 anni, il successo è garantito dalla perfezione artigianale sempre più raffinata nei materiali, nello stile, nel design e abbinata alle moderne tecniche industriali di lavorazione.

Giorgio Ballin, attuale presidente dell’azienda, è fra i fondatore dell’Acrib (Associazione calzaturieri della Riviera del Brenta). L’azienda, con una produzione di 200 mila scarpe all’anno, ha conquistato i mercati di tutto il mondo, dalla Francia agli Stati Uniti, con un export che supera l’80 per cento. A ciò ha contribuito la nascita di nuove collezioni, affiancate a quella tradizionale. Per Ballin hanno lavorato stilisti come Jimmy Choo ed Helen Joy. Inoltre, l’avanguardia nella tecnica e nello stile caratterizzano la nuova impronta data all’azienda da Anna Sui, stilista americana figlia di immigrati cinesi.

Nell’ottobre del 2020 Chanel acquisisce Ballin, dopo aver acquistato Conceria Gaiera nel luglio del 2019. La casa di moda dalla doppia C era cliente del calzaturificio italiano da tempi lontani, condividendo la medesima visione aziendale.

Leggi anche

Coco Chanel tra eleganza e rivoluzione

Culture Chanel, la donna che legge. La mostra