Oxford Clothes

Oxford Clothes. Azienda americana di abbigliamento maschile. Nasce nel 1916. Negli Stati Uniti, il marchio rappresenta il non plus ultra dell’abito da uomo

Azienda americana di abbigliamento maschile. Nasce nel 1916. Negli Stati Uniti, il marchio rappresenta il non plus ultra dell’abito da uomo, con stoffe e tagli fra i più raffinati del mondo. La ditta realizza i vestiti direttamente nella propria fabbrica di Chicago, con sarti che provengono da tutte le parti del mondo, soprattutto dall’Italia. Presidente della società è Crittenden Rawlings. Ogni vestito comporta 20 ore di lavoro e più di 1125 punti cuciti a mano solo per l’interno, un record.

I prezzi sono da capogiro, fino a 8 mila dollari per un abito di seta. Anche il tessuto è un atout della griffe: soprattutto le lane che provengono dall’Inghilterra, Scozia, Italia e Nuova Zelanda. Recentemente è stato anche inserito l’abito di seta purissima, copiando alcuni vestiti del guardaroba di Edward, il duca di Windsor che, messo all’asta, è stato interamente comprato da Oxford. La novità per le nuove generazioni è l’introduzione di linee più casual e meno costose, in modo da conquistare anche la fascia sotto i 40 anni.

Leggi anche:

Milano Moda Uomo gennaio, le tendenze inverno 2021-22

Prada Uomo 2021: il nuovo concetto di semplicità in 5 atti

Nine West

Nine West. Azienda americana di scarpe. In vent’anni, è diventata un gigante del settore. È la produttrice di borse e scarpe per lo stilista Calvin Klein.

Nine West. Azienda americana di scarpe. In vent’anni, è diventata un gigante del settore. È la produttrice di borse e scarpe per lo stilista Calvin Klein, ma è anche all’origine di marche come Pied-à-terre, Enzo Angiolini, Easy Spirit e Pappagallo. Fondata nel 1977, si chiamava Fisher Camuto, dal nome dei due soci JerÂme “Fisher” e Vincent Camuto. I due, dal ’68 al ’77, avevano lavorato per la Sumitomo Corporation of America, un importatore di scarpe giapponese che voleva esplorare e sviluppare il mercato brasiliano. Non a caso, la Fisher Camuto ebbe in un primo tempo la sua sede in Brasile.

Oggi, il quartier generale è a White Plains nello Stato di New York. La Nine West Group, grazie al contenuto moda, ai prezzi ragionevoli e a una buona qualità, ha potuto operare su scala mondiale. Ora è presente in 42 Paesi e conta oltre 1000 negozi. Dopo il passaggio sotto il controllo del gruppo statunitense Jones Apparel, Nine West inizia il nuovo millennio in espansione. Firma dell’accordo con la Esprit per la produzione e distribuzione di scarpe, borse e accessori in pelle per donna. L’accordo quinquennale prevede la commercializzazione nei department stores e nei punti vendita Nine West di Usa e Portorico.

Leggi anche: 

Esprit

Calvin Klein addio alla prima linea 

Murphy&Nye

Murphy&Nye. Azienda americana di moda sportiva e casual. Nasce nel 1933 a Chicago come produttrice di vele per yacht, per le imbarcazioni da lago

Azienda americana di moda sportiva e casual. Nasce nel 1933 a Chicago come produttrice di vele per yacht, per le imbarcazioni da lago e per le barche da ghiaccio: veli vincenti nella regata MacKinac Race e nel mondiale Star del ’36. Il successo di Murphy&Nye permise di allargare la produzione alle divise da equipaggio, ai pantaloni Newport, così battezzati dai fondatori della ditta, Jim Murphy e Harry Nye, in onore dell’American’s Cup che là si svolge. Dal ’92, il marchio Murphy&Nye è di proprietà della società Sixty e firma quattro linee di prêt-à-porter mirate agli appassionati del mare, dello sci, dello snowboard e del vestire casual.

Leggi anche:

K-WAY

Paris fashion week, focus sulle sneakers Off White e niente più?

Prada x Adidas: la collaborazione