Edwin International

Edwin International, fondata a Tokyo nel 1969. Alta specializzazione nei prodotti in denim, una fra le aziende leader del mercato giapponese.

Edwin International. Viene fondata a Tokyo nel 1969, e grazie all’alta specializzazione raggiunta nei prodotti in denim, diventa una fra le aziende leader del mercato giapponese. La produzione di Edwin International si inserisce nel filone del vintage purista che si è affermato sul finire degli anni ’90: tessuti realizzati su telai a mano, tinture eseguite secondo metodi antichi, sofisticati finissaggi manuali. La vestibilità è spesso quella del denim delle origini. L’utilizzo di tessuti alti meno di 29 pollici (altezza inferiore a quelle utilizzate abitualmente per i jeans) impone il taglio in costa, per cui ogni capo porta la caratteristica cimosa sul fianco, visibile nel risvolto. La Edwin International, inoltre, ha acquisito nel ’96 la maggioranza di Ateca S.p.A., l’azienda proprietaria del marchio Avirex per l’Europa.
Nel 2004 è stato realizzato l’accordo con i licenziatari europei e nasce Edwin Europe.
Da gennaio 2006 è operativa anche Edwin Italy, con sede a Ferrara.

Potrebbe interessarti anche

G-Star Raw Denim: la voce del dizionario della moda

Denim mania le italiane preferisco Jacquemus

Avirex

Avirex è un brand americano di sportswear fondato nel 1940. Presto ha raggiunto la fama ed è diventato uno dei brand pù in voga tra i giovani americani.

Avirex è un marchio americano di sportswear, da sempre caratterizzato dalla robustezza e dal design essenziale. Creato negli anni ’40 per produrre giubbotti per l’aviazione militare USA, è cresciuto fino a diventare una delle firme d’abbigliamento più in voga tra i giovani delle metropoli americane. I punti di forza sono le tradizionali giacche in pelle bomber e i capi ispirati al “varsity-look”, cioè l’abbigliamento in dotazione alle squadre delle università americane. Due nomi dietro questo successo che è esploso a partire dal ’74: Jeff Clyman e Frank Marchese. Riescono, con un occhio rivolto verso il passato e l’altro al futuro, a sintetizzare il gusto dei giovani.

Avirex dal 2000 ad oggi

Il nuovo millennio vede la casa statunitense suddivisa in tre dipartimenti. Negli Usa rimane di proprietà della famiglia Clyman, in Giappone è controllata dalla Edwin, in Europa fa capo a un gruppo olandese ma è coordinato dalla Avirex.

Il fatturato per l’Europa raggiunge i 30 milioni di euro nel 2001.

Nel Gennaio del 2002 Avirex Europa diventa un’azienda autonoma, svincolandosi dal controllo della Ateca di Carpi, che ne aveva controllato le licenze per 15 anni e che è anch’essa di proprietà Edwin con il 51 per cento. Il primo effetto del cambiamento è la riduzione dei punti di diffusione: da 600 negozi in Italia si scende a 480, di cui 90 nuovi. In Francia vengono addirittura azzerati i 140 punti vendita per ricominciare con un totale di 7. L’obiettivo è quello di abbandonare progressivamente le jeanserie e prediligere i negozi di menwear di livello più elevato.

A gennaio 2003, Avirex ha consegnato una nuova licenza a Portolano Guanti di Napoli, che porterà sul mercato europeo gli accessori firmati Avirex.

Avirex
La collezione in collaborazione con per omaggiare Top Gun.

Nel 2009 apre uno store monomarca a Roma.

In collaborazione con ViacomCBS, Avirex ha lanciato una collezione per omaggiare il sequel di Top Gun, “Top Gun: Maverick“. Il film è stato presentato nelle sale a Luglio 2020. Avirex ha presentato la collezione nel 2019, a Firenze.