Dean, James

Dean, attore americano mito di una generazione. Ha lanciato l’iconico look: t-shirt, jeans e giubbotto.

James Dean (1931-1955). Attore americano. Mito di un’intera generazione ha imposto, sulla scia di Marlon Brando, la moda dell’abbigliamento informale composto da jeans, T-shirt e giubbotto. La sua carriera è brevissima, raggiunge la celebrità con tre film, tutti girati nel 1955, anno in cui appena ventiquattrenne perde la vita in un incidente stradale. James Dean stato scoperto a Broadway da Elia Kazan mentre recitava nella riduzione teatrale de L’immoraliste di André Gide. Il regista, poco dopo, lo vuole protagonista del suo film East of Eden (La valle dell’Eden, 1955), per il ruolo di un adolescente sensibile e tormentato. Subito dopo, il titolo che avrebbe creato il mito: Rebel without a Cause (Gioventù bruciata, 1955). Infine The Giant (Il Gigante, 1955), uscito postumo all’indomani della sua tragica morte, conferma un culto incontrastato.

Dean James
James Dean

Leggi anche:: 

Brando Marlon: la voce del dizionario della moda

Un nuovo film su James Dean

Bogart, Humphrey

Bogart, Humphrey (1899-1957). Attore americano. È il gangster dal cuore tenero, cinico e romantico al tempo stesso: con la sua espressione da duro e la…

Bogart, Humphrey (1899-1957). Attore americano. È il gangster dal cuore tenero, cinico e romantico al tempo stesso: con la sua espressione da duro e la sigaretta perennemente tra le labbra, si trasforma subito, sin dai primi film, in un’icona dello stile, sebbene la sua consacrazione divistica sia arrivata piuttosto tardi, a 37 anni, con The petrified forest (La foresta pietrificata, 1936) e, 5 anni dopo, con la pellicola capostipite del genere noir The Maltese Falcon (Il mistero del falco, ’41).

bogart
Bogart in “The Maltese Falcon”

Il look di Bogart

Il trench spiegazzato e il Borsalino leggermente inclinato diventano la sua divisa nella maggior parte dei suoi film, a cominciare naturalmente da Casablanca (’42). E nello stesso tempo entrano prepotentemente nel guardaroba di milioni di uomini, diventando un classico senza età. A dimostrare quanto il mito e il look di Bogart siano davvero memoria collettiva basti ricordare la celebrazione che ne fa Woody Allen in Play it Again Sam (Provaci ancora Sam, ’72) o Belmondo quando, in A bout de souffle (Fino all’ultimo respiro, ’59) di Godard, contempla pieno di ammirazione una foto di Bogie. Ancor più recentemente, negli anni ’80, Spielberg si è ispirato a Bogart per il guardaroba del suo eroe Indiana Jones, interpretato da Harrison Ford.