Lindbergh, Peter

Peter Lindbergh (1944). Trasferitosi nel ’78 a Parigi, dove tuttora vive e lavora, compie i primi passi nel campo della fotografia di moda su Stern.

Peter Lindbergh (1944). Fotografo tedesco. Dopo aver studiato pittura a Berlino e a Krefeld, ha iniziato a lavorare come allestitore di vetrine a Duisburg. Poi come assistente del fotografo Hans Lux e infine, nel 1971, ha aperto un proprio studio di fotografia pubblicitaria a Düsseldorf. Trasferitosi nel ’78 a Parigi, dove tuttora vive e lavora, compie i primi passi nel campo della fotografia di moda su Stern. Nel decennio ’80, si afferma pubblicando su Interview, Marie Claire. Ma anche nelle edizioni americana, inglese, francese e italiana di Vogue, prima di passare definitivamente, nel ’92, ad Harper’s Bazaar. Molto importanti le sue campagne per Armani, Prada, Jil Sander, Lagerfeld, Calvin Klein, Donna Karan, Mizrahi, con una particolare predilezione per i profumi: Trésor di LancÂme, Giò di Armani, Eternity di Klein fra gli altri. Nel ’92 ha diretto il documentario Modelle — il film con Linda Evangelista, Cindy Crawford, Naomi Campbell, Tatjana Patitz e Stephanie Seymour. Nel ’96 ha firmato il Calendario Pirelli. Il suo stile, caratterizzato da un bianconero avvincente, riprende le atmosfere espressioniste e ne crea altre di una sottigliezza onirica.

Lindbergh, Peter
Peter Lindbergh

Potrebbe interessarti anche: 

Cindy Crawford, la storia della top model

Le figlie delle top model che stanno conquistando il mondo della moda