Onitsuka Tiger

Onitsuka tiger. Brand di calzature sportive e abbigliamento giovane nato nel 2000 e ispirato ai modelli degli anni ’60 e ’70

Brand di calzature sportive e abbigliamento giovane nato nel 2000 e ispirato ai modelli degli anni ’60 e ’70. L’idea di rinverdire una vecchia linea chiamata “Tiger” è dell’azienda giapponese di abbigliamento Asics.  Fondata nel 1949 a Kobe dal capostipite Kihachiro Onitsuka. Ex militare e venditore di birra al mercato nero, e oggi una delle massime produttrici di scarpe sportive nel mondo. Ai modelli-base storici, Onitsuka Tiger ha pensato di combinare innovativi elementi tecnici e materiali di qualità, con richiami ideali alla Pop Art e alla cultura teenager degli anni ’60. (Pierangelo Mastantuono)

Leggi anche:

NIKE

PFW, focus sulle sneakers off white e nulla di più?

Sneakers autunno inverno 2019: i modelli della moda

Asics

Asics, è un azienda giapponese di calzature sportive. Kihachiro Onitsuka (1918) fonda nel 1949, a Kobe in Giappone, la Onitsuka Co. Ltd.

Asics.  Azienda giapponese di calzature e abbigliamento sportivo. Kihachiro Onitsuka (1918) fonda nel 1949, a Kobe in Giappone, la Onitsuka Co. Ltd. Inizia con le scarpe da basket, cui si aggiungono in seguito quelle per pallavolo e maratona. Nel 1956, durante le fasi preparatorie delle Olimpiadi di Melbourne, l’esperimento vincente di una stretta collaborazione tra azienda e atleti porta a un allargamento della produzione nel campo dell’atletica leggera, del calcio e dello sci.

Negli anni ’60, alle tre Olimpiadi (Roma ’60, Tokyo ’64, Messico ’68), le scarpe Onitsuka sono indossate non solo dai giapponesi, ma anche dai migliori olimpionici.

Un aneddoto curioso: l’etiope Abebe Bikila vinse la maratona alle Olimpiadi di Roma correndo a piedi nudi e fu perciò soprannominato “Barefoot Abebe”. Quattro anni dopo, a Tokyo, solo Onitsuka fu capace di convincerlo a indossare scarpe create apposta per lui. Da allora divenne semplicemente “Marathon King”.

Dagli anni ’60 in poi l’azienda ha un incredibile successo e diffusione mondiale. Perfeziona nuove tecnologie e nuovi materiali, fondando nell’85 un grande laboratorio sperimentale “R&D Department of Asics”. Tecnica digitale e laser permettono di creare scarpe su misura al millimetro per ogni atleta. Alle Olimpiadi di Sidney, Naoko Takahashi, che ha una gamba più corta di pochi millimetri, indossa le Asics.

Le tre compagnie Onitsuka, Gto e Jalenk si fondono nel 1977 nell’Asics Corporation. Nel 2000 l’uomo leader dell’azienda è il designer Hitoshi Mimura. Asics ha centri vendita e distributori in tutto il mondo, dagli Usa all’Europa, dall’America Latina alla Cina, a Israele, Dubai, India, Sudafrica, Filippine e Indonesia. Dal fondatore che ha scritto due libri If you fall down, just stand up e Asics Kihachiro Onitsuka’s instruction of management, l’azienda ha mutuato l’impegno, quasi una filosofia, di formare una gioventù sana attraverso gli sport.

Asics dal 2000 ad oggi

Nel 2002 l’etichetta lancia la prima scarpa da donna. La novità piace molto alle clienti e nel giro di pochi anni saranno vendute circa 600.000 paia.

Asics è stato lo sponsor ufficiale dei XX Giochi Olimpici Invernali Torino del 2006.

Nel 2016 Asics ha concluso la sponsorizzazione della maratona di New York, lasciando spazio a New Balance. Sempre nello stesso anno l’organizzazione mondiale di atletica leggera ha annunciato di aver scelto il brand come sponsor ufficiale.

A inizio 2017 rivela alla stampa il volto del nuovo ambassador, il tennista ligure Fabio Fognini.

Nel 2018 Asics ha rilanciato la nuova campagna, I move me, con protagonista Steve Aoki. L’ADV invita le persone ad essere attive e muoversi; ad assumere, insomma, atteggiamenti salutisti.  Tra le voci della campagna possiamo trovare anche Marrese Crump, Erin Bailey, Claire Liu, Deena Kastor e Lolo Jones, Sara Hall e Candace Hill.

Asics
La campagna pubblicitaria di I move me.

Nel 2020 l’azienda annuncia la prima edizione di Asics World Ekiden 2020. Si tratta di una sfida a squadre composte da sei persone che si sfideranno in una maratona a staffetta.

Yasuhito Hirota afferma che:

“Può essere ispirato da uno dei formati di gara più famosi del Giappone, ma l’ASICS World Ekiden 2020 è davvero un evento come nessun altro.

Asics
Asics presenta la prima edizione di World Ekiden 2020.

NIKE

Padel lo sport del momento