Di Maio, Arianna

Arianna Di Maio, fashion designer napoletana con la passione per la maglieria. Il suo eponimo marchio incontra favori del mercato internazionale

Arianna Di Maio (Napoli, 03/11/1993), è una fashion designer Italiana. All’età di 15 anni si iscrive alla scuola di abbigliamento e moda del suo paese, per perseguire il suo sogno di bambina di diventare una fashion designer. Dopo essersi diplomata, guadagnando il titolo di operatrice di moda, all’età di 19 anni si iscrisse allo IUAD di Napoli (all’epoca, Accademia della Moda di Napoli), dove si diploma brillantemente all’età 23 anni.

In occasione della sua tesi, Arianna, alla ricerca diqualcosa di diverso, si avvicina al mondo della maglieria di cui si innamora perdutamente. Data la forte voglia di distinguersi, la designer decide di proporre una nuova tecnica di lavorazione artigianale. Proprio su tale tecnica si basa Stay Woolish, la sua prima collezione presentata al pubblico. Il progetto è stato fonte di numerose soddisfazioni professionali.

Cappotto Verde Stay Woolish Con Spilla. Arianna Di Maio

Data la particolarità dei capi realizzati mediante tale lavorazione, lo IUAD di Napoli, sceglie Arianna per partecipare nel 2017 all’evento Fashion Graduate Italia, consentendo alla designer di esporre le proprie creazioni sulle passerelle di Milano.

 

Pochi mesi dopo, nel Febbraio 2018, la designer è ancora una volta scelta come ambasciatrice dello IUAD, partecipando alla sezione Eyes On Me di Milano Unica, riservata ai giovani designer più in voga delle diverse accademie della moda italiane.

Nell’anno seguente, Arianna Di Maio, dato l’enorme successo riscontrato durante l’evento, decide di registrare il marchio che prende il suo nome. La natura imprenditoriale della designer la porta ad esporre i propri capi in Cina. Oggi nel 2020, la stilista, punta ad espandere i propri orizzonti proponendo al pubblico la sua prima linea commerciale che unisce in sé diverse tecniche di maglieria artigianale.

Leggi anche

Camera Nazionale della Moda Italiana

Milano Moda Graduate 2020, i vincitori