Grimaldi-Giardina

Grimaldi-Giardina: Maison romana di alta moda fondata nel 1996 da Antonio Grimaldi (1970) e Silvio Giardina (1968). I due hanno sfilato tre volte a Roma.

Grimaldi-Giardina: maison romana di alta moda fondata nel 1996 da Antonio Grimaldi (1970) e Silvio Giardina (1968). I due giovani stilisti hanno sfilato tre volte “fuori calendario” a Roma, cominciando nel gennaio del ’99. I loro abiti ispirano una certa leggerezza ed elasticità nelle linee mentre i colori, mai sgargianti, si richiamano alle trasparenze dell’acqua.

Potrebbe interessarti anche: 

Sorelle Fontana: la voce del dizionario della moda

Sylvio Giardina

Giardina Sylvio. Couturier italiano di origini francesi. Tra i massimi esponenti dell’Alta Moda italiana, Sylvio Giardina coniuga il savoir-faire della couture parigina e l’heritage tradizionale dell’artigiano del nostro Paese. Parigi e Roma, così, sono destinate a incontrarsi in ogni sua collezione. La prima, come culla del couturier; la seconda, come città che stimola la sua fervida creatività. Giardina, nato nella Ville Lumière (ma vanta origini siciliane) studia presso l’Accademia di Costume e Moda di Roma. Conclusa l’esperienza accademica, inizia a lavorare presso l’atelier di Fernanda Gattinoni dove mette in pratica quanto studiato durante gli anni e affina la sua tecnica da couturier.

 

Abito collezione Vertigo. Ph. Tania Alineri

Dopo aver co-fondato il marchio Grimaldi Giardina, fonda la sua eponima Maison. Valori fondamentali della sua griffe sono sartorialità, tradizione, innovazione ma anche culto del bello. Ogni sua esclusiva collezione è realizzata in Italia con il supporto di artigiani del mestiere che coadiuvano alle creazioni di capi d’Alta Moda, difficilmente riproducibili. Tagli virtuosi, strutture scenografiche, geometrie che s’intersicano: l’arte della moda di Sylvio è la quintessenza stessa del modus (sostantivo latino che significa foggia e misura) e della sua fruibilità. 

 

Leggi anche

Sylvio Giardina, il poetico Frangiamore che omaggia Roma