Annapurna

Annapurna, azienda italiana produttrice di maglieria in cachemire fondata nel 1978 da Aida Barni. Il Made In Italy dalla fama mondiale.

Annapurna. Azienda italiana produttrice di maglieria in cachemire, cachemire-seta e fibre naturali nobili. Fondata a Prato nel 1978 da Aida Barni, dopo la nascita del quarto figlio dal matrimonio con Pierluigi Galli, uno tra i maggiori esperti mondiali di filati. La produzione è esportata per una buona metà in Germania, Austria e Svizzera: paesi nei quali l’azienda è market leader. La rimanente quota viene assorbita da Italia, Francia, Giappone e Stati Uniti.

Il nome del marchio evoca le montagne del Kashmire e la vetta dell’Annapurna che supera gli 8 mila metri ed è stata scalata per la prima volta da una équipe giapponese di sole donne.

Chiara fama deriva al marchio anche dalla pubblicazione di Cashmere, un prezioso volume edito nell’86 e ripubblicato nel ’97, coautore Pierluigi Galli. Il volume è stampato anche in francese, inglese e giapponese. Costituisce il punto di riferimento internazionale per scuole tecniche, compratori e consumatori specializzati. Il successo del marchio è da attribuire alle sottili tecniche di produzione e finitura.

Le collezioni Annapurna

Annapurna e Aida Barni presentano nuove collezioni con cadenza stagionale. La presentazione avviene nello show room milanese di via della Spiga 46.

Filosofia aziendale: percorrere la strada della specializzazione artigiana, della ricerca sui dettagli, dei colori esclusivi (nelle recenti stagioni: color blu madrigale, tormalina, verde ardesia, muschio secco), di un rapporto duraturo di servizio e di collaborazione con la clientela, di proporre capi di gusto italiano ad alto contenuto moda.

Le collezioni realizzate da Annapurna sono completamente Made in Italy, per assicurare un accurato controllo a ogni singola fase di lavorazione, stile e qualità in testa. La griffe offre ai suoi clienti una vera e propria “Clinica del Cashmere” che attraverso la tracciabilità del prodotto permette eventuali interventi e riparazioni successivi all’acquisto.

L’azienda propone tre diverse collezioni. La prima, Annapurna, linea concepita per chi è attento alle tendenze della moda, il lusso della moda che verrà; Aida Barni, linea per coloro che non subiscono i dettami della moda, il lusso senza tempo. E, infine, 5+1 Annapurna: linea pensata per i top retailer del mondo, il lusso della moda di oggi.

Dal 2000 ad oggi

Nel 2000 l’allora presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, nomina Aida Barni “Cavaliere del Lavoro”. La stilista ritira anche il premio La Città delle Donne e le vengono consegnate le chiavi d’oro della città di Prato. Nel 2008 lo showroom di Milano si sposta nella nuova sede in via Stendhal, lasciando storica sede di via Spiga. A questa si aggiungono i retailer di Düsseldorf, Stoccarda e New York.

Il fatturato di Annapurna, nel 2001, ammontava a 15 milioni di euro, di cui il 5% indotto dal mercato italiano.

Nel 2008, dopo aver inaugurato lo showroom a Milano in Via Stendhal 36, Annapurna firma un accordo con la Jda, per la distribuzione dei prodotti nel mercato giapponese.

Annapurna
Due look presentati da Annapurna per la stagione primavera/estate 2017.

Il direttore creativo del brand è Alessandro Onori.

Le collezioni sono visionabili sul sito della casa di moda.