Rakam

Rakam. Mensile della Rusconi. La rivista nasce nel 1930 come giornale di ricamo, come indica la testata, tra l’arabizzante e il fantastico.

Rakam. Mensile della Rusconi. La rivista nasce nel 1930 come giornale di ricamo, come indica la testata, tra l’arabizzante e il fantastico. Negli anni ’40, adeguandosi all’ideologia dominante, propone una donna “bella, sana, affettuosa, desiderabile, italiana”.

Nel primo dopoguerra, apre all’alta moda, ma i risultati sono negativi. Nel ’54 Edilio Rusconi l’assorbe nella sua casa editrice e la riporta ai vecchi contenuti. La rivista torna a privilegiare i lavori pratici e i risultati non si fanno attendere: la diffusione tocca le 400 mila copie.

Nell’86 si tenta il ritorno alla moda, ma i cattivi risultati impongono il brusco ritorno alla formula originale. Intanto si sono succedute alla direzione, dopo gli anni d’oro di Elvira Frezza, Anna Tuveri, Gabriella Brioschi, Susanna Barbaglia e Anna Gualtieri. Nel ’98 la direzione viene affidata a Elio Michelotti, tutta una vita nella rivista, dove aveva fatto la gavetta fino a diventarne art director.

Dal numero di luglio Rakam si presenta nelle edicole con una veste grafica rinnovata, mantenendo inalterati i contenuti e le rubriche che l’hanno resa famosa. Accanto alle sezioni “storiche” dedicate al pizzo e al punto croce, le lettrici possono trovare pagine che spaziano dall’arredamento alla cucina, al fai-da-te, alla cura del fisico e alla bellezza. Oggi esiste anche l’edizione on line.

rakam

Leggi anche:

Vogue

ANNABELLA

hL’alta-moda-dolce-gabbana-diventa-un-family-affair

Michelotti, Elio

Michelotti Elio (1948). Giornalista. Direttore di Rakam, “rivista mensile di lavori femminili” fondata da Edilio Rusconi.

Michelotti Elio (1948). Giornalista. Direttore di Rakam, “rivista mensile di lavori femminili” fondata da Edilio Rusconi, dove è entrato nel ’74, come art director. Con gli anni si impadronisce dei segreti, delle tecniche del ricamo come applicazione del design alla scienza della decorazione nei lavori femminili, diventandone uno fra i maggiori esperti italiani. Dopo che nel mensile si sono succeduti sei direttori, nel ’97, quando Anna Gualtieri passa alla direzione editoriale, nomina Michelotti responsabile del mensile.

Leggi anche:

Brin

La Donna

Made in Italy, la serie tv sulla moda italiana

Gualtieri, Anna

Gualtieri Anna. (1921). Giornalista. Ha diretto Arianna, Arbiter e Rakam. Entra nel giornalismo, a Oggi, nell’immediato dopoguerra.

Anna Gualtiero. (1921). Giornalista. Ha diretto Arianna, Arbiter e Rakam. Entra nel giornalismo, a Oggi, nell’immediato dopoguerra. L’ex direttore Edilio Rusconi,nel 54, diventato intanto editore e direttore di Gente, la chiama alla direzione di Gioia che, in 13 anni, porta da 60 a 600 mila copie. Nel ’68 è in Mondadori dove inventa e dirige Duepiù, quindi passa alla direzione di Arianna. Nel ’70 Anna Gualtieri è responsabile editoriale della Fabbri e nell’80 è di nuovo alla Rusconi come direttore del maschile Arbiter e di Gioielli/Griff. Viene chiamata a risollevare le sorti di Rakam nell’87, che riporta agli antichi standard di diffusione. Nel ’98 la Gualtieri assume la direzione editoriale del settore periodici Rusconi.

Potrebbe interessarti anche: 

Anna Piaggi: la voce del dizionario della moda

Suzy Menkes lascia Vogue