Dé d’Or

Dé d’Or, è il premio dell’alta moda francese creato nel 1976 dal giornalista Pierre Yves Guillen. Fino al gennaio ’94, veniva elargito due volte l’anno.

Dé d’Or. Il Ditale d’oro è il premio dell’alta moda francese creato nel 1976 dal giornalista Pierre Yves Guillen. Fino al gennaio ’94, veniva elargito due volte l’anno, alla fine di ogni collezione. Tra i premiati Madame Grés (luglio ’76), Cardin (gennaio ’77, gennaio ’79), Givenchy (luglio ’78), Ungaro (gennaio ’80, luglio ’81), Laroche (luglio ’85), Lacroix (gennaio ’86 e gennaio ’88), Lagerfeld per Chanel (luglio ’86) ma anche Ferré per Dior (luglio ’89), Rabanne (gennaio ’90), Montana per Lanvin (luglio ’90 e gennaio ’91). Dal ’93 venne ribattezzato Dé d’or Européen de la Mode e nel luglio ’93 venne conferito a Lauren. Nel ’94 fu assegnato a Mortensen per Scherrer.

Leggi anche:

Karl Lagerfeld a un anno dalla sua morte 

Lanvin, un fumetto a Parigi 

Théàtre de la Mode

Théàtre de la Mode. Manifestazione di promozione dell’alta moda francese organizzata sul finire del 1945 per riaffermarne il monopolio mondiale

Théàtre de la Mode. Manifestazione di promozione dell’alta moda francese organizzata sul finire del 1945 per riaffermarne, dopo l’oblio della guerra, il monopolio che era, allora, mondiale e incontrastato. Maria Pezzi ha raccontato: “Duecento bambole di filo di ferro, pronipoti delle bambole-manichino del ‘600 e ‘700, le “piavole de Franza” come le chiamavano le dame veneziane, testimoniarono al mondo che l’haute couture di Parigi era ancora viva.

Erano alte 70 centimetri. Lo scultore catalano Joan Rebull aveva plasmato le teste. I grandi sarti, da Lelong a Patou, da Piguet a Schiaparelli, da Vionnet a Balenciaga a Fath le avevano vestite. Cartier, Van Cleef & Arpels le ingioiellarono. Christian Bérard, Cocteau, Boris Kochno disegnarono piccole scenografie. Le bambole debuttarono al Pavillon Marsan del Louvre. Era il Théàtre de la Mode. Nel primo anno di pace, andò in tournée: Londra, Barcellona, Stoccolma, New York”. Riscoperto negli archivi di un museo americano, è stato restaurato e, nel ’90, esposto a Parigi, New York e Tokyo.

Leggi anche:

Schiaparelli Haute Couture, la moda parla un nuovo linguaggio

Alta moda Parigi 2020: aprono le danze Schiaparelli e Iris Van Herpen in digitale

Georgette Renal

Georgette Renal. Casa di alta moda attiva dal 46 al ’66. L’atelier si trovava in Avenue du Président Roosevelt e si trasferì in Avenue Pierre ler de Serbie.

Georgette Renal. Casa di alta moda attiva tra il 1946 e il ’66. L’atelier si trovava in Avenue du Président Roosevelt e successivamente si trasferì in Avenue Pierre ler de Serbie, nel quartiere degli Champs Elysées.

Potrebbe interessarti anche:

Chanel: la voce del dizionario della moda

Chanel si ispira alla Regina Nera