Mulassano, Adriana

Mulassano Adriana (1939). Giornalista. Ha iniziato il mestiere nella redazione di Amica dal 1961. Nel ’68 è passata al Corriere della Sera.

Mulassano Adriana (1939). Giornalista. Ha iniziato il mestiere nella redazione di Amica dal 1961. Nel ’68 è passata al Corriere della Sera. Qui sino all’86, quando assunse la direzione di Linea Capital, ha raccontato il divenire della moda italiana. Racconta anche l’affermarsi dei nuovi stilisti, la vittoria delle passerelle di Milano, il confronto fra queste e quelle di Parigi.

Le sue cronache, scritte con un linguaggio senza le formule da addetti ai lavori e alimentate da un vasto possesso della materia e dal sapere intuire le nuove realtà anche al debutto, rappresentano un repertorio essenziale. Questo soprattutto per chi voglia ricostruire la storia della moda italiana nei suoi anni più determinanti. Nel 1979, Mulassano ha pubblicato I Mass Moda/Storia e personaggi dell’italian look (Spinelli Editore). Si tratta di ritratti di protagonisti del Made in Italy da Albini a Fiorucci, da Armani a Miguel Cruz, a Quirino Conti, ai Ferragamo, corredato dalle fotografie di Alfa Castaldi. Sul finire del decennio ’80, dopo essere rientrata al Corriere della Sera, ha abbandonato il giornalismo militante. Ha iniziato ad occuparsi dell’ufficio stampa di Armani, responsabilità che successivamente ha limitato solo ai grandi eventi della maison.

Leggi anche:

Milano Fashion Week: Ferragamo e la duplice sfilata

I 20 libri (+1) di moda da leggere e regalare per Natale

Correani, Ugo

A Correani si devono i bijoux più innovativi degli anni ’70-’80. Il suo esordio avvenne nel 1973, quando disegnò accessori per Albini.

A Correani si devono a lui i bijoux più innovativi creati per il prêt-à-porter italiano e francese degli anni ’70 e ’80.

Il suo esordio avvenne nel 1973, quando disegnò accessori per Albini. Dalla fine degli anni ’70 sino alla morte (1992), collaborò con Versace, Valentino, Lagerfeld, Fendi, Chanel, Lacroix e Chloé, proponendo un’idea rivoluzionaria dell’accessorio moda. Lavorò anche in ambito teatrale, contribuendo ai costumi per Salomé di Richard Strauss, messa in scena da Bob Wilson alla Scala nella stagione ’86-87. Oggi, l’azienda Correani si avvale della creatività di Robert Bruno.

Collana Correani
Collana Correani

Callaghan

Callaghan. Nasce nel 1966 da Zamasport, azienda del Maglificio Augusto Zanetti di Novara. Linea di grande rilievo nel panorama del made in Italy.

Callaghan. Nasce nel 1966 dalla costola di Zamasport, azienda del Maglificio Augusto Zanetti di Novara. Linea di grande rilievo nel panorama del made in Italy, è stata disegnata da firme prestigiose della moda. Infatti ha lavorato con Albini (’68-72), Versace (’72-84), Lebourg per una stagione (primavera-estate ’85), Tarlazzi (’85-87), Gigli (’87-95) e Crolla.

Barbieri, Gianpaolo

Barbieri Gianpaolo (1940). Fotografo italiano. Ha messo in scena un’immagine teatrale della moda, in bianco e nero e a colori.

Barbieri Gianpaolo (1940). Fotografo italiano. Ha messo in scena un’immagine teatrale della moda, in bianco e nero e a colori. Legato alle esperienze cinematografiche degli anni ’40 e ’50, le ha utilizzate per la regia delle sue foto. Per esempio, si è ispirato, per un’immagine che voleva forte di tensione, a un’angosciata Ingrid Bergman in Io ti salverò. Dopo un inizio di lavoro con il padre, esperto di tessuti della Galtrucco, e un tentativo di farsi strada nel cinema come attore e come operatore, incontra Tom Kublin, diventa suo assistente e sceglie il mestiere della fotografia. Era il 1964. Collabora con Harper’s Bazaar e, nel ’65, firma il suo primo servizio per VogueNovità.

Nel corso del tempo, ha curato campagne pubblicitarie per alcuni fra i maggiori stilisti italiani e stranieri, da Saint-Laurenta Valentino, da Albini a Versace, ad Armani. Ha pubblicato la monografia Artificiale (’82), Silent Portrait (’84), Tahiti Tattoos (’89) e, per il gioielliere Pomellato, La mappa del desiderio con testo di Antonio Tabucchi. A Palazzo Reale a Milano nel 2007 ha luogo la mostra dedicata al celebre fotografo di moda, che con le sue 140 foto a colori e in bianco e nero ripercorre la carriera dell’artista che ha ritratto le più grandi icone dello stile, tra cui Audrey Hepburn, Sophia Loren, Veruschka, Iman, Jerry Hall e Monica Bellucci.

Nel 2008 a Piazza Risorgimento, Roma, Barbieri Gianpaolo celebra la nascita della prima collezione di gioielli preziosi Morellato Gold, attraverso una serie di scatti chiamati La Vera Natura dell’Oro.