Fasonista

Fasonista. Termine che deriva dal francese, lavorazione “à faµon” per definire capi d’abbigliamento confezionati in serie, su di un modello base.

Fasonista, o Fassonista o Façoniste. Termine che deriva dal francese, lavorazione “à faµon” per definire capi d’abbigliamento confezionati in serie, su di un modello base. Oggi, il fasonista si identifica con un confezionista o un’azienda di confezioni che realizza capi d’abbigliamento per conto terzi. Generalmente con materiale semilavorato (ad esempio il tessuto precedentemente tagliato). Il lavoro dei fasonisti — che spesso operano parallelamente con uno o più propri marchi — si rivolge a boutique, negozi di moda. Ma, soprattutto, alla grande distribuzione che appone ai capi una propria etichetta, un proprio marchio. Questo quando la lavorazione “à faµon” non è richiesta da firme note che non hanno la possibilità di produrre grandi quantità di modelli.

Leggi anche

Fashion Book

Gft: gruppo finanziario tessile, la voce del dizionario della moda

Le Costantine, l’eccellenza made in Italy fatta di sole donne

C&A

C&A leader mondiale della moda a prezzi accessibili. Dal 1910 inizia l’espansione in tutta l’Olanda e poi all’estero.

C&A. È fra i leader mondiali. Fattura (è il dato medio degli inizi anni ’90) 10 mila miliardi di lire. La sigla è ricavata dai nomi dei fratelli Brenninkmeijer, Clemens e August, che nel 1841 fondano, a Sneek in Olanda, una compagnia di abbigliamento. Il primo negozio C&A venne aperto nel 1861. Fu un successo: proponeva, con grande anticipo sui tempi, moda pronta a prezzi accessibili. Dal 1910, inizia l’espansione in tutta l’Olanda e all’estero, dove altri membri della famiglia varano nuovi negozi: prima, nell’11, in Germania, poi in Inghilterra (’22), in Belgio (’63), in Francia (’72), in Svizzera (’77), in Lussemburgo (’82), in Spagna (’83), in Austria (’84), in Portogallo (’91) e, infine, in Danimarca (’95), per un totale di 550 negozi e 40 mila persone impiegate.

La proposta di abbigliamento per uomo, donna e bambino, copre stili diversi, con prezzi, all’interno dello stesso negozio, anch’essi diversificati. Le marche della compagnia, tutt’oggi di proprietà della famiglia Brenninkmeijer, sono: Westbury, Jinglers, Palomino, Clockhouse, Rodeo, Your 6 Sense, Baby Club, Angelo Litrico, Yessica, Canda, Here & There.

Leggi anche: 

ZARA: voce del dizionario della moda