Sportswear Company

Sportswear Company. Marchio d’abbigliamento. Cambia l’idea di abbigliamento informale, a sperimenta con nuovi materiali, linee e funzionalità

Marchio d’abbigliamento. Nasce a Ravarino, tra Bologna e Modena, nel 1974, con il nome di Chester Perry. Nel 1975 diventa C.P. Company: “firma” destinata a cambiare l’idea di abbigliamento informale, a sperimentare con nuovi materiali, linee e funzionalità. Nel 1982, prende vita un secondo marchio: Stone Island. Nasce casualmente da una prova di tintura su un tessuto tipicamente industriale, un telone da camion.

Da allora, i pezzi unici sono la caratteristica di questa linea. C.P. Company viene rilevata a metà degli anni ’80 dal Gruppo Gft (Gruppo Finanziario Tessile di Torino) e dalla Trabaldo Togna. Nel settembre 1993, in seguito alle politiche di dismissioni del Gruppo torinese, l’azienda viene acquisita dai fratelli Carlo e Cristina Rivetti e ribattezzata Sportswear Company. Carlo Rivetti (nato a Losanna nel 1956 e laureato in Economia) ne diventa il presidente. La Sportswear Company ha oggi 120 dipendenti diretti e i capi prodotti finora sono oltre il milione l’anno.

Leggi anche:

Moncler: acquisizione di Stone Island, l’annuncio

Exor, la holding della famiglia Agnelli, punta sulla Cina

Met

Met, brand che propone una linea completa uomo e donna di abbigliamento informale, che ha come filo conduttore il denim. Jeanseria made in Italy.

Met. Nato nel 1997 dall’incontro di Moreno Giuriato, titolare di Italservices, azienda specializzata nella produzione in commercializzato per marchi internazionali, e Gegè Schiena, pietra miliare nel panorama della jeanseria made in Italy degli anni ’70. Met propone una linea completa uomo e donna di abbigliamento informale, che ha come filo conduttore il denim.

Leggi anche: 

Denim mania, le italiane preferiscono Jacquemus 

La serie tv Made in Italy