René Lézard

René Lézard.Griffe tedesca di prêt-à-porter da donna e uomo.Varata nel 1978 da Thomas Schaeffer.Nel 2002 Mariella Burani Fashion Group l’acquisisce al 50%

René Lézard. Griffe tedesca di prêt-à-porter da donna e da uomo. L’ha varata nel 1978 Thomas Schaeffer.

René Lézard
Blazer René Lézard x Loro Piana

Nel 2002 Mariella Burani Fashion Group annuncia l’acquisizione del 50 per cento del capitale. Il costo dell’operazione è di quasi 12 milioni di euro. Il restante 50 per cento della società rimane di proprietà di Thomas Schaeffer.

René Lézard
René Lézard store

Al 30 aprile 2002, il marchio realizza un fatturato di 71 milioni di euro e un utile netto pari a 1,4 milioni di euro. Nel settembre dello stesso anno, con lo slogan Rélax – L’armonia dei contrasti viene inaugurato un nuovo negozio ad Amburgo, nella ristrutturata Heine-Haus del quartiere Jungfernstieg.

Leggi anche:

Loro Piana

Loro-Piana-installazione-a-Hong-Kong

Morra, Anna

Morra Anna. Stilista italiana di Milano. Prima di debuttare in proprio come fashion designer, è mannequin, redattrice di giornali di moda.

Morra Anna (1962). Stilista italiana. Nasce a Milano. Prima di debuttare in proprio come fashion designer, è mannequin, redattrice di giornali di moda, scouter di top, stylist free lance. Tanta esperienza sul campo la mette a frutto nella collezione di abbigliamento donna e accessori che disegna nel suo periodo egiziano.

Infatti dal 1988 al 1993 vive (e lavora) sul Nilo. Nel ’98 crea una collezione di costumi da bagno, caratterizzata da materiali di qualità elevatissima e assolutamente senza ganci per il massimo comfort.

Leggi anche:

H&M-x-Simone Rocha: a-romantic-collection

Bikini

Elena Mirò

Mirò. Azienda di abbigliamento donna e di accessori. La fondano nel 1983 Emi Vincenzini, che fu modella preferita e collaboratrice di Walter Albini

Azienda di abbigliamento donna e di accessori. La fondano nel 1983 Emi Vincenzini, che fu modella preferita e collaboratrice di Walter Albini, e Alessandra Tilche. La produzione di accessori è di circa 15 mila pezzi all’anno: borse in cuoio morbido, in papiro e in tessuto e soprattutto cappelli che Mirò propone in 60 differenti modelli. Il fatturato ’97 è stato di circa un miliardo, complice la promozione di linee di abbigliamento decostruito.

Elena Mirò
Elena Mirò

Leggi anche:

Serie Made in Italy: il Diavolo veste Prada all’italiana

Milano moda donna, il resoconto della terza giornata