Stéphane Kélian

Marchio francese di calzature, borse e accessori, famoso per una particolare e preziosa lavorazione intrecciata. È oggi uno fra i più importanti e conosciuti nel mondo: 250 mila paia di scarpe l’anno, un florido mercato in 27 paesi. Il nome del suo fondatore e della sua anima creativa è, in realtà, Stéphane Kéloglanian (1942), un immigrato armeno che, negli anni ’70, in piena crisi dell’industria calzaturiera, decide di scommettere sulla creatività e sulla moda trasformando la piccola fabbrica artigianale di scarpe per uomo, creata a Romains dai suoi fratelli Georges (1929) e Gérard (1932). Nel ’77, propone una collezione al femminile, l’anno successivo inaugura il primo negozio a Parigi in rue des Saint-Péres. Ha acquisito i marchi Mosquitos, Miss Maud e la linea di scarpe da donna firmata Kenzo. Kemos, finanziaria francese acquisisce la società dello stilista, tramite Alain Duménil. Kemos già detiene le quote di maggioranza di France Luxury Group, che possiede i marchi di Jean-Louis Scherrer e Francesco Smalto. Alain Tondowski è il nuovo art director. La griffe rinasce nel 2007 grazie al Gruppo Royer, il cui obiettivo è quello di salvaguardare lo stile e l’animo francese del marchio.