Sprouse

Stephen (1953-2004). Stilista americano. È noto per essersi ispirato al rock and roll. Il suo stile techno-punk si è evoluto negli anni. È stato uno dei primi a usare materiali futuristici. Inoltre ha giocato con i colori sgargianti mettendoli a contrasto con la sobrietà del nero. Dopo aver iniziato la carriera come assistente di Halston, ha disegnato collezioni per conto proprio sin dal 1984. Molti artisti hanno portato i suoi vestiti, tra questi Mick Jagger, Courtney Love, David Bowie e Iggy Pop. Ha curato il Museo del Rock a Cleveland e il catalogo della Fondazione Andy Warhol nel ’96.  Per celebrare il nuovo millennio, il designer crea un insolito evento: il tema è l’atterraggio su Marte del Mars Pathfinder Rover dell’anno precedente. Sfilano capi con stampe tridimensionali di riprese della Nasa. Il pubblico usa visori speciali. Per il gran finale, uomini in abiti interamente realizzati in plastica e donne con capi che reagiscono a seconda della luce dei riflettori. &Quad;2001. Louis Vuitton chiede a Sprouse di creare graffiti per la sua collezione invernale di borse. Il materiale più rappresentativo dell’artista viene esposto nell’ambito della manifestazione fiorentina Il quarto sesso. L’artista, i cui graffiti realizzati nel 1987 sono stati scelti nel 2006 da Marc Jacobs per borse, sciarpe e scarpe Louis Vuitton, muore di cancro a soli 50 anni nel 2004.