Rubin Chapelle

Marchio di prêtà-porter creato da Sonja Rubin (1971), austriaca, e Kid Chapelle (1970) dell’Ohio: si incontrano al Fashion Institute of Technology e, nel 1995, decidono di unire la loro creatività. Avevano entrambi già lavorato per altri stilisti dai quali avevano scoperto il gusto per il minimalismo ma volevano personalizzarlo. Kid, un ex ingegnere, considera i suoi abiti delle costruzioni, usa cuciture a vista, colori forti, magliette geometriche. Sonja ha molta fantasia. Insieme amano vestire donne libere, senza preconcetti e un po’ stravaganti. Hanno già conquistato i grandi magazzini americani. A New York, sulla quattordicesima strada, apre un avveniristico negozio con aree semovibili, schermi al plasma e altre trovate tecnologiche e interattive studiate dall’architetto Annabel Selldorf. Rubin fa parte della ormai folta schiera di stilisti che ha detto “no” alle pellicce.