Rose Idée

Società francese che produce e commercializza la griffe di gioielli Bijoux R. Woloch. Risale al 1939 il debutto a Parigi del piccolo atelier di gioielli fantasia di Rose e Joseph Woloch: la moglie alla cassa, alla direzione commerciale, il marito al cesello, alla direzione artistica. Poco dopo, una loro spilla, Chien, ottiene il premio Drags che era, allora, molto importante. Il braccialetto Rose che il gioielliere disegna per la moglie piace sia ai compratori di massa delle Galeries Lafayette sia a Coco Chanel. Nel ’42, la grande mademoiselle gli chiede un paio di orecchini che “assomiglino a un nido di piccione e lascino immaginare la paglia e l’uovo”. Nasce così un accessorio classico della maison Chanel: mediamente una vendita di oltre 4 mila esemplari l’anno. Nel ’66, la società R. Woloch si ribattezza (Rose Idée), modernizza la fabbricazione e punta all’esportazione: una politica che la porta a crescere progressivamente, con un salto del 45 per cento delle vendite nell’82. In Europa ha una posizione di leadership con 600 mila pezzi venduti all’anno: il 90 per cento esportati.