Red or Dead

Marchio inglese di moda pronta. Lo lanciano, nel 1982, Wayne e Geraldine Hemingway, entrambi nati nel ’61 in Inghilterra. Iniziano con una bancarella a Camden Market, il mercatino cult della domenica a Londra. Interpretano lo stile dei giovani di sinistra e degli studenti squattrinati capaci di creare un look con pochissimo. Rielaborano abiti di seconda mano, abbinandoli a stivali da lavoro marca Dr Marten’s. Un look ribelle fatto di ragazze in abiti colorati alla Doris Day con ai piedi i pesantissimi anfibi, dodici buchi, e di ragazzi vestiti stile James Dean (gli abiti usati provenivano principalmente dall’America) con scarponi a punta d’acciaio. Dalla bancarella gli Hemingway saltano ai negozi monomarca, proponendo linee di abiti e scarpe sempre all’insegna del”l’humour e dell’informalità: abiti a stampe surreali, scarpe di forme e colori impensabili. Sanno ancora capire una generazione ormai non più giovanissima, ma non invecchiata nella voglia di anticonformismo e di protesta anche solo a livello del guardaroba. Il loro successo viene riconosciuto con l’invito a fare parte del comitato del British Fashion Council. Hanno avuto e hanno una grande influenza sulla moda giovane inglese. Wayne Hemingway, fondatore e direttore della casa, cede la sua quota della società per una somma mai svelata. Il marchio torna alla ribalta dopo un’assenza di due anni, con una linea nata dal connubio con The New Renaissance (Harvey Bertram-Brown e Corlyn Corben) per decisione di The Pentland Group, l’azionista maggioritario.