Pupi Solari

Insegna di un negozio milanese che da oltre trent’anni “fa moda” oltre che venderla e che costituisce un punto di riferimento per la borghesia meno incline alle boutique da ribalta degli stilisti. Pupi Solari (Genova, 1927) apre, nel ’69, un piccolo negozio di abbigliamento per bambini in Largo V Alpini a Milano, proponendo i marchi Nouveau-Né, Valerie Goad, Chipie, C.P. Company. Intelligenza e fiuto commerciale, alleate a un’innata simpatia, la premiano. Dieci anni dopo, si trasferisce in piazza Tommaseo, dove al bambino affianca la donna: prima una moda rassicurante, classica, poi le firme di Fusco, di Jil Sander e gli abiti minimalisti di Zoran. Il negozio si allarga a 11 vetrine, ospitando anche una sala da tè e un reparto dedicato alla sposa (Pupi Solari “Il matrimonio”). Nel ’91 nasce un reparto uomo, con i marchi di Aspesi, Car-Shoe, Piombo, William Lockie e la linea Host-Uomo, coordinata dal figlio di Pupi, Andrea Host-Ivessich. Dall’85, Pupi Solari è anche a Genova, con un punto vendita in via Roma.