Petit Patapon

Marchio francese di moda per bambini. Nel 1985, una giovane biologa, Noelle Tutenuit, madre di cinque figli, comincia a concretizzare il suo estro creativo nella realizzazione, per i suoi bimbi, di capi in maglia e tessuto dalle linee semplici ma dotati di tocchi e intuizioni particolari nell’accostamento di materiali e colori che creano uno stile unico e originale. Familiari e amici la incoraggiano a dare inizio a una produzione su larga scala, con il supporto dell’esperienza e del know-how nel settore tessile dell’azienda di famiglia, la Distese S.A., gestita dal marito Franµois Gros. Nasce così, nell’87, il progetto Petit Patapon, abiti e accessori pensati e personalizzati considerando la singolarità di ogni bambino. Le collezioni, due per anno, sono suddivise in quattro gruppi d’età: Petit Patapon neonati, Petit Patapon primi passi (6 mesi-4 anni), con linee ispirate alle tendenze fashion, Petit Patapon Pixie et Cie, delicati capi da cerimonia per bambine dai 4 ai 14 anni, e Petit Patapon P.K. Kids, capi trendy a prova di gioco per bambini dai 4 ai 12 anni. Il marchio conta oggi 70 flagship store in tutto il mondo, di cui 10 negozi monomarca in Italia. Negli anni il marchio riscuote un successo sempre crescente, grazie al suo stile immediatamente riconoscibile d’ispirazione “francese”, ma anche a un ottimo rapporto qualità-prezzo. L’Italia in particolare si conferma un mercato di riferimento: nel 2005 raggiungono quota 54 i negozi monomarca nel belpaese: le boutique, in franchising, sono caratterizzate da un’atmosfera familiare e dotate di un angolo d’intrattenimento per i piccoli. Il fatturato, in costante crescita, tocca i 15 milioni di euro nel 2007. L’anno successivo viene lanciata la linea Naissance, dedicata ai bebè da zero a sei mesi.