Nourredine

Nasce a Rabat. Vive e lavora a Marrakech. Pur nella fedeltà ai tessuti del proprio paese, alla tradizione del vestire marocchino, li ha profondamente innovati. Per il suo stile alcuni evocano Issey Miyake. Crea immensi mantelli a pipistrello in lana tessuta a mano e feltro, "haiks" in veli con intarsi di rafia, mantelli con impressi geroglifici tinti al"l’henné. Il Museo della Moda d’Anversa, inaugurato nel settembre del 2002, gli ha dedicato una grande mostra.