Munkacsi

Martin pseudonimo di Martin Marmorstein (1896-1963). Fotografo ungherese. Ha lavorato soprattutto negli Stati Uniti. Ha fotografato in esterno, nell’acqua, da una vettura in velocità, sotto angolazioni del tutto originali: queste sono alcune delle motivazioni che lo hanno reso un maestro per molti fotografi della generazione posteriore alla sua, da Avedon a Horvat. Il suo stile ha preso la denominazione di “realismo in movimento”. Inizia in Ungheria l’attività di giornalista per il periodico sportivo AZ Est per cui realizza anche fotografie così innovative e dinamiche da essere considerato in breve tempo il miglior fotoreporter sportivo ungherese. Un dato, quest’ultimo, che spiega molto bene le prospettive ardite e lo stile dinamico che applicherà poi alle immagini di moda. Vive per qualche tempo a Berlino, ma a causa del nazismo, si trasferisce nel 1934 a New York, dove ha già fatto scalpore la sua prima fotografia di moda apparsa nel ’33 su Harper’s Bazaar, rivista con la quale avrà un lungo rapporto. È la foto di una giovane donna americana dall’aspetto sano e sportivo che corre su una spiaggia in costume da bagno. Pubblica immagini anche su Berliner Illustrierte Zeitung (nel soggiorno berlinesese), Ladies’ Home Journal, Life, Town and Country. Munkacsi è, per la sua originalità, un maestro molto seguito sia da autori che si dedicano alla moda come Richard Avedon sia da reporter come Henri Cartier-Bresson. Nella “sua” New York, prima il Museum of Modern Art nel ’73 poi l’International Center of Photography nel ’78 gli dedicano importanti retrospettive, mentre è del ’96 la mostra Munkacsi Munkacsi al Mayar Fotografiai Museum di Budapest.