Merù

Gioielleria italiana. La famiglia Merù, sardi trapiantati a Milano, ha debuttato con un negozio di orologi negli anni ’60, in via del Lauro. Nel ’67, trasferitosi in via Solferino 3, sempre a Milano, i Merù hanno cominciato a proporre i loro microgioielli, con oro, argento e materiali poveri. Anelli e orecchini sono diventati, poi, iper-riconoscibili, con fili da pesca e piastrine smaltate. Talent scout dei Merù sono state la giornalista Camilla Cederna e la disegnatrice Brunetta che li hanno lanciati attraverso la rubrica Il lato debole del settimanale L’Espresso.