Masenza

Gioielleria italiana. In attività dall’inizio del ‘900 a Roma (negozi prima in piazza di Spagna, poi in via del Corso) negli anni ’50 invitò a disegnare bijoux artisti come Guttuso, Fazzini, i fratelli Basaldella, Cagli, Capogrossi, Emilio Greco. Fu, in quell’inoltrato dopoguerra, un punto di riferimento per le star di Cinecittà e il jet set internazionale.