L’Officiel de la Couture et de la Mode de Paris

Mensile francese lussuoso e sofisticato che, fondato nel 1921 a Parigi da Max Brunhes, affida ai migliori fotografi del momento la presentazione delle collezioni d’alta moda. Fotografo titolare della rivista dal ’34 è Philippe Portier: suoi i primi abiti inquadrati in strada, nei saloni di storici palazzi o di castelli o di alberghi di lusso. Durante la guerra e l’occupazione nazista, il giornale subisce una breve interruzione per riprendere le pubblicazioni nel ’41 con la collaborazione del celebre couturier Lucien Lelong. Negli anni ’50, alla presentazione delle collezioni si aggiunge una rubrica dedicata ai tessuti, con le tendenze di grandi case come Rodier, Ducharne o Bianchini Férrier, e nascono settori per la bellezza, l’oroscopo, l’attualità. Editore della rivista, dal ’71 è una società: l’Officiel de la Couture.