Leroy

Veronique (1965). Stilista belga. Giovane, è considerata una promessa. Segue i corsi dello Studio Berµot di Parigi. È successivamente l’assistente di Didier Renard, Alaïa e Martine Sitbon. Apre un suo atelier nel quartiere parigino della Bastiglia. Definisce il suo stile “ultrasexy normale”: humour, pettinature alla Barbie, falsi stivali da cowboy e colori sintetici molto stridenti. Ha debuttato nel 1991. Più volte è stata premiata con i premi Canette D’Or, Courtelle e Venus de la Mode per Le Futur Grand Créateur.