Lenci

Panno leggero e compatto di vari colori. Prende il nome da Helenchen Konig-Scavini (1886-1974), detta Lenci, fondatrice della ditta che per prima lo produce a Torino nel 1919. Con questo particolare tessuto, perfezionato dal fratello Bubine a partire dal feltro Borsalino, confeziona le celebri bambole create degli artisti del tempo, Riva, Chessa, Sturani, Quaglino e Dudovich. Sotto la direzione di Pilade Garella, alla fine degli anni ’20, la Lenci ottiene il consenso internazionale. Comincia la produzione di fiori e bouquet e, infine, di sculture in ceramica dai vari soggetti e raffinati colori, create da artisti come Tosalli, Grande e Vacchetti esposte alla IV Triennale di Monza nel ’30 che, poco dopo, traslocò a Milano. La Lenci è oggi diretta dalla famiglia Garel.