Larionov

Michail (1881-1964). Pittore, coreografo e costumista, protagonista di spicco dell’avanguardia russa. Al Collegio di pittura, scultura e architettura di Mosca incontra Natalia Gontcharova che sposa e insieme alla quale anima nel 1907 il gruppo La rosa Azzurra e la rivista Vello d’Oro. È fautore dello stile primativista, del raggismo astrattista, del simultaneismo futurista. Nel 1913 si trasferisce a Parigi, dove collabora intensamente ai Balletti Russi di Diaghilev, con costumi che, nonostante l’estremo avanguardismo, influenzano la moda francese. Scrive il manifesto Perché noi ci dipingiamo la faccia in cui teorizza la possibilità d’integrare arte e vita attraverso la pittura sul corpo.