Filati di Ziche

La storia imprenditoriale della famiglia Ziche inizia nella seconda metà del ‘700 con Francesco Ziche, "possidente negoziante", e la moglie Anna Maria Brunale, "trafficante" in lane. Ma la vera tradizione nel settore laniero prende avvio durante i primi decenni dell’800 a Thiene, grazie a Leonardo Ziche (figlio di Francesco), che nel 1820 diventa tintore di fibre tessili, tramandandone l’arte al figlio Valentino ed al nipote Leonardo il quale, nel 1902, avvia nella vicina Zugliano una piccola industria di "sfilacciatura cenci" di cotone e lane. In un secondo tempo, le cinque macchine sfilacciatrici, che rappresentano tutto il macchinario dell’azienda, sono trasferite a Thiene dove, poi, vengono aperti anche magazzini di deposito per la materia prima e per i semilavorati. Nel ’26, su inziativa di Giuseppe, Giovanni Battista e Alvise (figli di Leonardo), comincia a Thiene anche l’attività di filatura. Sotto la loro guida, l’azienda prospera e, sul finire degli anni ’50 vi entrano Franco e Valentino, i figli di Giovanni Battista, inaugurando un nuovo corso: nasce anche la produzione di maglieria. Dopo alcuni anni, Franco si dedica esclusivamente a questo settore rendendosi indipendente, mentre Valentino si unisce allo zio Alvise concentrandosi sul settore filati e aprendo, nel 1963, un nuovo stabilimento a Zanè, con mille fusi di pettinato e una ventina di operai. L’azienda cresce rapidamente: negli anni ’60, raggiunge un potenziale di duemila fusi con quaranta addetti, e si affaccia al mercato-moda affinando la propria produzione. Nel decennio ’70, Alvise si ritira e l’azienda viene gestita totalmente da Valentino, il quale si indirizza esclusivamente sui filati per maglieria. L’introduzione di tecnologie avanzate diventa un’arma vincente. Negli anni ’80, la Ziche acquisisce la Tintoria Industriale Tessile a Breda di Piave (Treviso), mentre gli stabilimenti di Zanè sono ampliati. Nel 1997, viene aperta una nuova unità produttiva: così, dai 1.500 chili di filati al giorno nel 1986, a fine decennio si raggiungono i 7 mila chili quotidiani. La potenzialità è in ulteriore aumento con 15 mila fusi. La Ziche Manifattura Lane conta tre stabilimenti in Italia e uno in Croazia. Vende in ogni continente. Ha un fatturato che supera i 37 milioni di euro. L’utilizzo di lane merino, cachemire, alpaca, mohair, angora, l’inserimento di nuove tecnologie, la flessibilità e l’attenzione all’evoluzione della moda, confermano il successo dell’azienda, nota ormai più col nome del suo marchio: Filati di Ziche. A reggerne "le fila", quale presidente e amministratore delegato è sempre Valentino Ziche, coadiuvato dal figlio Francesco, in azienda dal ’99 e dal 2001 pure lui amministratore delegato.