DROMe

DROMe. Marchio italiano di moda fondato nel 2009 da Marianna Rosati. Figlia d’arte (il padre Ferrero è fondatore del brand Santacroce), Marianna sente sin da piccola la necessità di esprime il suo concetto di arte attraverso la moda. Nasce, così, il brand DROMe (nel linguaggio scandinavo DROMe viene associato al sogno) che basa la sua estetica, essenzialmente, sulla pelle lavorata come tessuto malleabile. 

DROMe. Look collezione FW 19-20

Marianna ha chiara l’immagine della donna che indossa i suoi capi: forte, dinamica, sensuale ma anche femminile. La Rosati trova ispirazione dal mondo esterno, dalla quotidianità, ad esempio, ma non nasconde la sua “ossessione” per David Bowie, icona di stile coraggiosa e senza tempo, che stimola la sua creatività.

Capisaldi dell’etichetta sono produzione interamente italiana (sia il pellame sia produzione è Made in Tuscany) e sostenibilità. Nel 2020, infatti, l’etichetta ha intrapreso il recupero del materiale inutilizzato, conservato nei magazzini dell’azienda. Da questa osservazione nasce Upcycled: un progetto che riconsidera i processi produttivi e gli impatti ambientali a loro attribuiti. La capsule collection propone pezzi unici nati dall’unione di capi già esistenti, vintage e materiali di riuso, assemblati assieme.

Dopo aver esposto le sue collezioni durante l’evento parigino Tranoï, in concomitanza con la Paris Fashion Week, DROMe diventa presenza fissa del calendario milanese, indetto da Camera Nazionale della Moda Italiana

 

Leggi anche

Pelle e atmosfere anni ’80 per DROMe