Double O

I due stilisti giapponesi hanno dato vita a quest’alleanza dopo essersi incontrati a un vernissage in un museo londinese. È una unione che coniuga il mondo della moda con quello dell’arte. Nakayama (laureatosi nel 1994, ha collaborato con Issey Miyake agli accessori della linea Pleats Please, ha disegnato stoffe per Giorgio Armani e per diverse produzioni teatrali) ha un passato da coreografo e proviene da una tradizione di lavorazione e creazione di kimoni. Watanabe ha lavorato come art director nell’editoria e in televisione in Giappone. Entrambi appassionati di arte, musica e danza hanno presentato la loro prima collezione nel ’99 al Royal College of Art con il nome Jet lag, ispirandosi ai viaggi in aereo. Nel 2000 hanno presentato la collezione Fog bound con una vera e propria performance in luoghi come metropolitane o supermarket. Seguendo l’idea che nella quotidianità c’è un lato poetico e che ogni indumento può essere indossato in modo diverso, disegnano capi asimmetrici, multifunzionali in tonalità e colori vivaci facendo ampio uso della tela jeans.