Converse

Converse

Converse. Marchio americano di scarpe sportive, varato, nel 1908, da Marquis M. Converse. Nove anni dopo, propone le All Star

Marchio americano di scarpe sportive, varato, nel 1908, da Marquis M. Converse. Nove anni dopo, propone le All Star, che diventeranno le scarpe da basket più conosciute al mondo ed entreranno nel guardaroba dei giovani di tutto l’Occidente. Nel ’71 la Converse Inc. È acquistata dalla Eltra Corporation e, nel ’94, si trasforma in una public company. Per uomo, donna e bambino, le scarpe vengono prodotte e distribuite in più di 90 paesi, per un totale di oltre 9.000 punti vendita.

Converse
Converse firmate Chiara Ferragni

Acquistata da Nike nel 2003 continua tutt’oggi a essere, con il modello All Star, la scarpa da tennis cult di giovani e non. Reinterpretate da stilisti e artisti di tutto il mondo e prodotte anche in edizione limitata, esistono in un numero enorme di varianti per colore e materiale.

Nel 2011 chiama al timone il vicepresidente alla creatività, Andrew Buckler, membro dell’associazione dei designer americani Council of Fashion Designers of America.

Con la sua nomina si susseguono una serie di co-lab, tra cui Missoni, Maison Martin Margiela e Supreme.

Nell’ottobre del 2014, l’etichetta fa causa a 31 gruppi per aver copiato alcune caratteristiche delle celeberrime sneakers Chuck Taylor, ritenute un modello icona e riconoscibile. Tra questi figurano big del settore come H&MFila, Ralph Lauren e Kmart. Nel 2015, il marchio fa retromarcia sulle azioni legali ai danni di Ralph Lauren (che nel frattempo ritira le scarpe accusate di plagio), Tory Burch e H&M.

Nel 2019 per Converse si apre la strada della sostenibilità con il lancio della prima collezione ricavata dal poliestere riciclato, proveniente da bottiglie di plastica usate. Qualche mese più tardi arrivano le sneakers create con jeans dismessi. Nel 2020, con la collezione Converse Renew Cotton, l’etichetta utilizza un filo realizzato con scarti di cotone e poliestere brevettando, così, la nuova fibra.