Giò Guerrieri, marchio disegnato e prodotto dalla stilista milanese Elisabetta Guerrieri (1962). Appassionatasi alla moda sin da bambina.
Gio Moretti. Prima proponeva soltanto abbigliamento e accessori. Adesso nella boutique si possono trovare anche fiori, cd, libri e complementi d’arredo.
Gioia era un settimanale femminile italiano nato nel 1937: 12 pagine a 40 centesimi. Nel ’54 viene acquistato da Edilio Rusconi
Bonizza Giordani Aragno . Studiosa del costume e della moda contemporanea. Curatore e consulente per la moda del Museo Boncompagni Ludovisi
Giordano Basso porta il nome di chi lo ha fondato nel 1927 a Breganze (Vicenza). Basso non aveva alcun background specifico. Lavorava nella finanza.
Giorgini, Giovanni Battista (1899-1971). È il padre della moda italiana, lo stratega di quella prima sfilata fiorentina, il 12 febbraio del 1951.
Giorgio Grati È il marchio di una collezione di maglieria femminile nata nel 1970 ad Ancona. Si chiamava Giorgio Grati Tricot
Coppia nella vita e nel mestiere.François Girbaud e Marithé Bachellerie. Hanno avuto un notevole impatto sul mondo del jeans, del casual e dello sportswear.
Tan Giudicelli. Nato in Indocina, ha riassunto in sé i gusti dell’Occidente e dell’Oriente, sintetizzandoli nel suo lavoro.
Giuliano Ciro (1894-1978). Sarto italiano per uomo. Figlio d’arte, perché suo nonno e suo padre, a Capracotta, avevano una piccola sartoria.
Giulini Vittorio (1940). Presidente di Sistema Moda Italia. Nasce da un’antica famiglia milanese impegnata nel settore tessile dal 1800.
Giussani Daniela. Giornalista. Direttrice del mensile Elle. Una carriera tutta nei femminili: Annabella (Rizzoli),Mondadori, Donna (Rusconi).
Giwas. Nasce ad Arre (Padova) nel 1978 come piccolo laboratorio artigianale per la produzione di capi per importanti nomi della moda italiana.
Glamour. Termine che significa fascino, prestigio, così una persona “glamorous” è affascinante, incantevole, attraente. Deriva dallo scozzese “gramarye”
Glamour. Mensile femminile di moda, costume e salute edito da Condé Nast. È “nipote” della testata Glamour of Hollywood fondata nel 1939.
Andrew Gn. Studia in Inghilterra. Negli anni dei corsi vince anche un premio, il French Connection Award, creato per giovani promesse della moda.
Sofia Gnoli. Studiosa di moda, giornalista insegna Storia della moda all’Università IULM di Milano. Scrive sul “Venerdì” e sulla “Repubblica”.
Barbara Goalen. Mannequin degli anni ’50. Era la modella preferita da Coffin e fu fotografata quasi esclusivamente da Henry Clarke.
Gobelin. Tessuto operato simile agli arazzi fabbricati a mano e il cui nome deriva da un’antica fabbrica francese di arazzi e tappezzeria.

Ricerca Avanzata

  • Cerca nella Categoria

  • Cerca Tag

Ultimi inserimenti

Tag

Scroll Up