Fashion Book

Fashion Book è la prima banca dati per giovani stilisti professionisti di tutta Europa. È stata promossa dalla Camera di commercio di Prato…

Fashion Book è la prima banca dati per giovani stilisti professionisti di tutta Europa. È stata promossa dalla Camera di commercio di Prato e dal comitato per la promozione dei giovani creatori di moda, guidato da Annamaria Luminari Moretti. L’idea di Fashion Book nasce ispirandosi alle sfilate Fashion & Technology, manifestazione riservata ai giovani stilisti nell’ambito di Pitti Immagine. Opererà, avviando alle aziende che ne faranno richiesta, gli stilisti che avranno maturato esperienze e competenze nello specifico settore del tessile-abbigliamento. Un servizio mirato soprattutto alle piccole e medie imprese, comprese quelle gestite da cinesi. La banca dati verrà costantemente aggiornata fornendo un collegamento fra domanda e offerta di lavoro altamente qualificata.

Flannel Bay

Flannel Bay è una linea di abbigliamento classico per uomo prodotta dalla Clan, azienda napoletana fondata da Antonio Deodato Laezza. La griffe…

Flannel Bay è una linea di abbigliamento classico per uomo prodotta dalla Clan, azienda napoletana fondata da Antonio Deodato Laezza. La griffe della famiglia Laezza affonda le radici nella tecnica sartoriale partenopea, con sobrietà ed eleganza che scaturiscono dall’attenzione ai particolari dello “sgarzillo”, dell’asola aperta, dell’impuntura. Gli abiti sono confezionati in cinque differenti linee con la lana australian merinos di Carlo Barbera, con i tessuti di Ermenegildo Zegna, con il “Superissimo” dei Fratelli Cerruti. Si va dal Classico sartoriale alla linea Outdoor, passando per la Collection, che è la linea più informale, e la Soft, più casual. City Wear è la serie dei soprabiti. Lo show room napoletano di Flannel Bay si trova a porta Capuana, in via Colletta.

Fausti

Fausti, Marina (1951) Giornalista. Direttore di Donna. Nasce a Gallarate in provincia di Varese, inizia giovanissima (nel 1972) come coordinatrice e…

Fausti, Marina (1951) Giornalista. Direttore di Donna. Nasce a Gallarate in provincia di Varese, inizia giovanissima (nel 1972) come coordinatrice e stilista per il Comitato Moda industriali-abbigliamento, di Milano. Subito, l’anno dopo, viene scoperta dalla Condé Nast e assunta come redattrice a Vogue Italia, meta ambitissima delle giovani giornaliste, dove tutte le redattrici erano note per essere particolarmente attraenti, eleganti, bionde e belle. Resta fino al ’78 in Condé Nast per entrare con la qualifica di servizi speciali a Linea Italiana (Mondadori Editore) dove rimarrà fino all’83. Marina Fausti è una delle poche giornaliste che ha avuto un interessante percorso professionale sia nelle riviste specializzate sia in televisione, dove introduce la moda a Telemontecarlo con la trasmissione Pianeta Moda e dall’83 all’88 collabora, in Rai, come conduttrice e giornalista alla trasmissione televisiva Moda e infine dal ’90 al ’95 è autrice e consulente di moda per trasmissioni ed eventi speciali su Rai 1. Nello stesso periodo è vicedirettore della rivista Moda edizione Eri-Rai. Nel ’95 viene chiamata da Vera Montanari, direttore di Gioia, prima come vicedirettore moda e, poi, come condirettore.

Famiglia 38 Fotografi

Gruppo di fotografi italiani. Studio associato nato a Milano nel 1989. Francesco Di Loreto, Paolo Mazzo e Mino Visconti lavorano insieme

Gruppo di fotografi italiani. Studio associato nato a Milano nel 1989. Francesco Di Loreto, Paolo Mazzo e Mino Visconti lavorano insieme per produrre un tipo di fotografia basato sulla manipolazione di qualsiasi supporto visivo. Estremamente creativi, hanno realizzato allestimenti con immagini in bianconero colorate a mano e incluse in vetroresine per il decor di negozi come Hugo Boss, per fiere come Pitti Uomo, per WP, per le campagne pubblicitarie di Mariolo. Hanno collaborato con Dolce & Gabbana, Tod’s, Valextra, Diesel, Allen Cox, Henry Lloyd e altri. Dal 1998, hanno pubblicato e pubblicano su D-La Repubblica delle Donne, Anna, Cosmopolitan, Marie-Claire, Harper’s Bazaar Italia, Vogue Gioiello, Moda, Luna.

Fayolle

Fayolle Denise (1923-1995). Consulente francese di moda e pubblicità. Si laurea in filosofia e pratica il pattinaggio artistico.

Fayolle Denise (1923-1995). Consulente francese di moda e pubblicità. Si laurea in filosofia e pratica il pattinaggio artistico. Inizia la carriera di giornalista nel 1951 a Votre Beauté. Nel 1953 passa a Sapac-Prisunic come direttore di stile-moda e pubblicità. Le sue idee anticipano di un decennio quella che sarà una vera e propria rivoluzione nel vestire degli anni ’60. Fayolle capovolge e dà una nuova impronta allo stile di Prisunic con l’aiuto di 60 assistenti. Diktat principale: può essere bello anche ciò che costa poco, purché ridisegnato, in modo lineare e semplice.

Incontro con Maimé Arnodin

L’incontro con Maimé Arnodin, pur essendo casuale (l’occasione è un articolo sulla Fayolle, pubblicato nel ’56 su Jardin des Modes), è decisivo. Diventano socie nel ’68 e fondano Mafia (Maimé Arnodin Fayolle Internationale Associés), che avrà clienti importanti (Dupont de Nemours, Absorba, Les 3 Suisses, Yves Saint-Laurent Parfums) e sarà ufficio di stile moda per gli industriali del settore e talent scout di nuovi talenti. Al momento della vendita di Mafia al gruppo pubblicitario Bddp, nasce nel 1987 la nuova agenzia di consulenza e pubblicità Nomad, Nouvelle Organisation Maimé And Denise.

Floeter

Floeter. Hubertus detto Hubs (1910-1976). Fotografo tedesco. Nato a Colonia. Dopo gli studi alla Bayerische Staatsfehranstalt di Monaco, negli anni ’30 lavora a Colonia e Berlino.

Floeter. Hubertus detto Hubs (1910-1976). Fotografo tedesco. Nato a Colonia. Dopo gli studi alla Bayerische Staatsfehranstalt di Monaco, negli anni ’30 lavora a Colonia e Berlino. Solo nel ’38 apre, con la futura moglie Ilse Reyer, un suo studio nella capitale. Dopo il 1945 fa carriera come fotografo di moda a Stoccarda, Berlino e Monaco raggiungendo una certa notorietà internazionale.

LEGGI ANCHE:

RICHARD AVEDON, LA FOTOGRAFIA OLTRE LA BELLEZZA

Fourreau style

Fourreau style. Noto anche come stile princess, questo look andava molto di moda negli anni ’30, ’50 e ’60, con lunghezze di abiti sempre differenti.

Fourreau style. Noto anche come stile princess, questo look andava molto di moda negli anni ’30, ’50 e ’60, con lunghezze di abiti sempre differenti. Stretto in vita, è nato per esaltare verticalmente la donna. Questi vestiti sono caratterizzati dalla linea liscia e aderente, ottenuta con l’impiego di abili cuciture e pince o cintura in vita.

Filanca

Filanca. Nome commerciale di una fibra sintetica elastica e opaca, dalla mano morbida.

Filanca. Nome commerciale di una fibra sintetica elastica e opaca, dalla mano morbida. Usata per collant, body, fuseau, calzemaglie e per costumi da bagno.

Façonnable

Façonnable. Tutto ha inizio nel sud della Francia, in un piccolo negozio sulla Rue de Paradise, Nizza. Nel 1950 John Goldberg crea il suo business familiare basato sui principi dell’artigianato e della passione per la qualità. Dopo un viaggio a New York decide di introdurre la sua visione di abbigliamento maschile: nasce così il cosiddetto “Sportswear chic“. I colori della riviera, i tessuti pregiati e l’eleganza senza tempo diventano simbolo della griffe, alla cui direzione subentra il figlio dello stilista, Albert.

Fratelli Tallia di Delfino

Fratelli Tallia di Delfino è un’industria specializzata in tessuti di pura lana, cachemire, alpaca, mohair e seta per abiti, giacche e cappotti. L’ha…

Fratelli Tallia di Delfino è un’industria specializzata in tessuti di pura lana, cachemire, alpaca, mohair e seta per abiti, giacche e cappotti. L’ha fondata nel 1903 a Strona (Biella) Delfino Tallia, per produrre drapperia, stoffe destinate alle sartorie più raffinate. Attorno al ’33, l’azienda ha rivisto la sua originaria filosofia, orientandosi verso il mercato della confezione in serie che attualmente assorbe il 75 per cento della produzione. Il 70 per cento degli 860 mila metri di tessuto annuo viene esportato.