D’Agata Gaetano (1906-1975). Calzolaio milanese. Nato a Pachino, comincia l’attività di calzolaio a Roma presso Gatto, il laboratorio del cognato.
D’Amato, nato a Roma, comincia a lavorare per Emmanuel Ungaro e in seguito collabora con Guy Laroche, Lolita Lempicka ed Emilio Pucci.
D’Amico, Antonio. La madre sarta gli trasmette la passione per la moda. L’incontro importante è con Gianni Versace nella cui maison lavora per 13 anni.
D’Ancona. Ricercatrice nel vintage. Titolare dello studio di progettazione stilistica Ld’A Lab, consulente nei settori dell’abbigliamento e dell’accessorio.
Gabriele D’Annunzio. ll suo guardaroba è il documento più completo della moda maschile italiana tra la fine dell’800 e i primi decenni del ‘900.
Giornalista italiana. Deve il suo incontro con il giornalismo a Franca Sozzani. Direttrice di Glamour, collabora con Condé Nast, per diversi periodici della casa editrice.
D’Avenza è un’azienda che prende il nome dal paese nei pressi di Carrara dove è stata fondata nel 1957 dalla famiglia Ackermann
Antonio D’Errico, fondata negli anni ’70, propone abiti eleganti e raffinati, che esaltano sempre la femminilità. D’Errico ha sede a Napoli.
D’Ora. pseudonimo di Philippine Kalmus (1881-1960). Fotografa austriaca. Nelle sue immagini le modelle sembrano spesso galleggiare
Sante D’Orazio (1956). Fotografo americano. Al 1981 risale il suo primo servizio pubblicato su Vogue Italia, poi la sua carriera prosegue.
Julien D’Ys (1955). Artista e acconciatore francese. Sul finire degli anni ’70, la critica loda le sue acconciature per le sfilate di Chanel, Galliano, ecc.
Supplemento settimanale allegato al quotidiano la Repubblica.
D.e.s.s. : Diploma di Studi Superiori Specializzati è un corso di Moda e di Creazione nell’ambito dell’Istituto di Comunicazione dell’università Lumière-Lyon 2 a Lione, in Francia.
Modista che ha lavorato a New York, aprendo un atelier sul finire degli anni’20. Comprava i modelli parigini e gli adattava al gusto americano.
Daelli. Entra nel mondo della moda come titolare di negozi d’abbigliamento e accessori a Firenze e Cortina. Daelli acquisisce sensibilità sulle tendenze
Wendy Dagworthy, stilista inglese. Forme morbide e contrasti sapienti tra stoffa e disegni e le sovrapposizioni di tessuti naturali.
Dahan. Si trasferisce da ragazzo a Los Angeles. Negli anni ’80 disegna le sue prime collezioni ispirandosi ai protagonisti newyorkesi di American Psycho
Dahl-Wolfe è una fotografa americana. Di formazione artistica, si avvicina alla pittura studiando dal 1914 al ’22 all’Art Institute di San Francisco
Azienda di abbigliamento e accessori per lo sport, fondata da Lino Dainese nel 1972. Nota per linee delicate al motociclismo e ad altre discipline sportive.
Daino. Una mischia di raion, viscosa e fibra poliammidica per un filato morbido e vellutato che richiama nell’aspetto e al tatto la pelle scamosciata.

Ricerca Avanzata

  • Cerca nella Categoria

  • Cerca Tag

Ultimi inserimenti

Tag

Scroll Up